sabato 03 dicembre | 05:49
pubblicato il 01/dic/2014 20:18

Renzi: Pd discuta, ma si riabitui a capacità di stare insieme

Astensionismo alle regionali non è colpa del Jobs act

Renzi: Pd discuta, ma si riabitui a capacità di stare insieme

Roma, (askanews) - Il Pd deve discutere ma mantenendo la capacità di arrivare ad una "valutazione condivisa", proprio "come accaduto sul Jobs act", secondo Matteo Renzi. Parlando alla direzione del partito, il presidente del Consiglio ha detto: "Con tutte le discussioni tra di noi, non posso nascondere che in questi giorni si è registrato un fatto molto importante nel Pd: c'è stata una discussione, anche molto accesa tra di noi, poi si è arrivati ad approvare alla Camera il Jobs act, frutto di un lavoro comune e condiviso".

Ha aggiunto Renzi: "Se vogliamo un partito che sia davvero a vocazione maggioritaria dobbiamo riabituarci - Guerini direbbe alla sintesi, al compromesso - io dico alla capacità di stare insieme, tenendo insieme anche idee diverse ma arrivando poi a

una conclusione, a una valutazione condivisa. Questo è accaduto

sul Jobs act. Credo debba essere un fenomeno da ritenere normale".

Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari