mercoledì 22 febbraio | 12:36
pubblicato il 21/gen/2016 11:20

Renzi: ora è un obbligo licenziare i furbetti del cartellino

La conferenza stampa a Palazzo Chigi del premier

Renzi: ora è un obbligo licenziare i furbetti del cartellino

Milano, 21 gen. (askanews) - Sinora è stata solo una "possibilità", da ora in poi il dirigente avrà l'obbligo di licenziare i "furbetti del cartellino". E' quanto ha tenuto a sottolineare il

premier Matteo Renzi, il quale, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha polemizzato con il capogruppo di Forza Italia, Renato Brunetta, e con la Cgil che dicono che "le norme ci sono già": con i decreti varati stanotte il governo introduce una "norma semplice: se ti becco ti mando a casa entro 48 ore" e se il dirigente non lo licenzierà, andrà a casa il dirigente, ha

precisato.

Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%