giovedì 19 gennaio | 20:01
pubblicato il 21/gen/2016 11:20

Renzi: ora è un obbligo licenziare i furbetti del cartellino

La conferenza stampa a Palazzo Chigi del premier

Renzi: ora è un obbligo licenziare i furbetti del cartellino

Milano, 21 gen. (askanews) - Sinora è stata solo una "possibilità", da ora in poi il dirigente avrà l'obbligo di licenziare i "furbetti del cartellino". E' quanto ha tenuto a sottolineare il

premier Matteo Renzi, il quale, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha polemizzato con il capogruppo di Forza Italia, Renato Brunetta, e con la Cgil che dicono che "le norme ci sono già": con i decreti varati stanotte il governo introduce una "norma semplice: se ti becco ti mando a casa entro 48 ore" e se il dirigente non lo licenzierà, andrà a casa il dirigente, ha

precisato.

Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale