mercoledì 07 dicembre | 12:38
pubblicato il 21/gen/2016 11:20

Renzi: ora è un obbligo licenziare i furbetti del cartellino

La conferenza stampa a Palazzo Chigi del premier

Renzi: ora è un obbligo licenziare i furbetti del cartellino

Milano, 21 gen. (askanews) - Sinora è stata solo una "possibilità", da ora in poi il dirigente avrà l'obbligo di licenziare i "furbetti del cartellino". E' quanto ha tenuto a sottolineare il

premier Matteo Renzi, il quale, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, ha polemizzato con il capogruppo di Forza Italia, Renato Brunetta, e con la Cgil che dicono che "le norme ci sono già": con i decreti varati stanotte il governo introduce una "norma semplice: se ti becco ti mando a casa entro 48 ore" e se il dirigente non lo licenzierà, andrà a casa il dirigente, ha

precisato.

Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Udc esce da Ap di Alfano: nuovi gruppi contro voto anticipato
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Klm prepara nuova destinazione a Cartagena in Colombia
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni