domenica 26 febbraio | 16:25
pubblicato il 04/apr/2016 19:36

Renzi: non ho attaccato i magistrati, chiedo processi veloci

A Potenza sono state aperte tre inchieste e nessuna a sentenza

Renzi: non ho attaccato i magistrati, chiedo processi veloci

Roma, 4 apr. (askanews) - "Non è vero che ho attaccato i magistrati, non è vero. La politica italiana è deberlusconizzata, ma la stampa italiana no. E quindi io ho detto e rivendico qui che loro erano quelli del legittimo impedimento e noi siamo quelli che chiedono di fare velocemente i processi, che vogliamo essere interrogati, che quando ci chiedono le carte gliele mandiamo anche per email, è una diversità strutturale". Lo ha detto Matteo Renzi nella replica alla Direzione nazionale del Pd.

"Dire che attacchiamo la magistratura non fa i conti con la realtà - ha insistito il premier - io ho detto che si sono aperte tre indagni e nessuna è andata a sentenza. È vero che quattro ore prima del mio intervento uno dei processi si è chiuso ma andrà in prescrizione tra 4 mesi, quindi non c'è alcuna possibilità che quella sentenza arrivi a sentenza definitiva".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech