sabato 03 dicembre | 16:41
pubblicato il 17/mag/2014 12:00

Renzi: non è da italiani scommettere sul fallimento dell'Italia

Noi salveremo questo paese dai gufi e dai disfattisti

Renzi: non è da italiani scommettere sul fallimento dell'Italia

Forlì, 17 mag. (askanews) - "Scommettere sulla sconfitta dell'Italia non è cosa da italiani". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante un comizio elettorale del Pd a Forlì. "Noi salveremo questo paese dai gufi e dai disfattisti", ha aggiunto davanti ai numerosi militanti che hanno raggiunto il parco Urbano. Renzi ha commentato i dati del Pil che hanno fatto segnare per l'Italia un -0,1%. "Dopo che si era fatto +0,1 adesso -0,1, un segnale brutto - ha spiegato -. La sera mi sono messo a guardare Twitter e ho visto editorialisti e commentatori contenti, come se la nostra sconfitta fosse per loro una vittoria". Ma "se ce la fa il governo ce la fa l'Italia e se ce la fa l'Italia si dà speranza all'Europa. Scommettere sulla sconfitta dell'Italia non è cosa da italiani". Renzi ha assicurato: "Noi salveremo questo paese dai gufi e dai disfattisti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari