giovedì 08 dicembre | 23:50
pubblicato il 21/feb/2016 12:17

Renzi: no ricatti nel Pd, a chi minaccia scissioni dico ciao

'Non accetto si dica: o fate come dico io o me ne vado'

Renzi: no ricatti nel Pd, a chi minaccia scissioni dico ciao

Roma, 21 feb. (askanews) - Matteo Renzi non vuole più accettare "ricatti" nel Pd, è giusto ascoltare tutti e fare mediazioni ma non è possibile che ci sia chi dice "o fate come dico io, o me ne vado. A questi rispondo: ciao". Il premier lo ha detto parlando all'assemblea democratica.

"A chi immagina su singoli provvedimenti - unioni civili, riforme, jobs act - di dire 'o fate come voglio io o me ne vado', la mia risposta - ha sottolineato il segretario del Pd - è una, a quattro lettere: ciao. Non si può pensare di fare del Pd un partito nel quale si sta soltanto quando si condivide tutto. Si fa uno sforzo di mediazione, si ascoltano tutti, ma non è pensabile di minacciare gli altri, o fai così o me ne vado".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni