martedì 21 febbraio | 22:16
pubblicato il 11/ott/2016 19:09

Renzi nelle zone colpite dal terremoto: "Non mollate ragazzi"

"Dare chance anche a seconde case, altrimenti muore territorio"

Renzi nelle zone colpite dal terremoto: "Non mollate ragazzi"

Amatrice (askanews) - Matteo Renzi si è recato nelle zone del Centro Italia devastate dal terremoto del 24 agosto. Il premier ha visitato Arquata, Accumoli e Amatrice, i paesi maggiormente colpiti dal sisma.

"Non mollate, ragazzi. Mi raccomando guai a chi molla"

Prima della visita Renzi aveva presieduto il Consiglio dei Ministri che ha dato il via libera al decreto legge per il terremoto. Tra le novità, l'attenzione alle seconde case distrutte.

"Soprattutto l'obiettivo è quello di dare chance anche a chi ha la seconda casa qua, altrimenti il territorio muore. Vediamo di trovare il modo di fare economia. Oggi ad Arquata ci siamo riusciti con Della Valle, che porterà una bella realtà".

Prima del sopralluogo nelle zone colpite dal terremoto Renzi aveva visitato lo stabilimento della Tod's a Casette d'Ete, per annunciare che l'azienda di Diego e Andrea Della Valle aprirà una fabbrica ad Arquata.

Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia