domenica 19 febbraio | 20:52
pubblicato il 13/set/2014 12:16

Renzi nelle zone alluvionate del Gargano: ''Non vi lascero' soli''

(ASCA) - Peschici, 13 set - ''E' stato gentile, ci ha dato coraggio, ha detto che non ci lascera' soli e per noi e' importante sapere che lo Stato c'e'''. A parlare e' uno dei cittadini di Peschici che ha stretto la mano al presidente del Consiglio Matteo Renzi, arrivato stamattina intorno alle 10 nel paese della zona del Gargano, colpita da violente piogge nei giorni scorsi: la devastante furia di acqua e fango ha distrutto diverse strutture turistiche della baia.

Il premier si e' recato nella sede del Comune per un tavolo tecnico con i rappresentanti degli enti locali e in precedenza aveva sorvolato le aree sommerse dal fango per rendersi conto della situazione.

''Ci ha riferito di essere rimasto stupito della distruzione che ancora c'e' a pochi metri dal mare. Speriamo ci venga concesso lo stato di calamita perche' qui, oltre al dispiacere per i due morti, c'e' preoccupazione per la ripresa economica'', dicono gli albergatori.

Renzi si e' fermato a parlare anche con Lorenzo Lopane, un peschiciano di 98 anni che ha voluto salutare il premier: ''Mi ha fatto gli auguri di tanta salute'', ha dichiarato entusiasta il quasi centenario.

''Non so se in passato lo Stato e' stato latitante, so che noi abbiamo bisogno di valorizzare quanto di bello c'e' in Italia e smettere di piangerci addosso. Voi non vi siete pianti addosso neanche nei momenti drammatici'', ha detto Renzi, parlando a Peschici ai sindaci dei comuni delle zone alluvionate del Gargano.

Bisogna ''rialzarsi in piede e ripartire'', ha aggiunto il premier assicurando che ''il governo fara' la sua parte''.

''Ma questo non basta - ha ammonito - se non c'e' una popolazione in grado di dire che superera' questa prova.

Vedendo la vostra terra dall'alto, credo abbiate forza e qualita' per poter voltare pagina. Noi - ha assicurato Renzi - ci mettiamo una tenacia e una determinazione senza paragoni. I problemi li affronteremo in modo chiaro, faremo la nostra parte''.

Per Renzi, ''la lotta contro il dissesto idrogeologico dev'essere la prima battaglia da fare. I miliardi ci sono ma dobbiamo combattere contro cause storiche. Noi sul dissesto lavoreremo sempre di piu' con presidenti delle Regioni ma e' chiaro che questo deve accompagnarsi con la gestione nell'immediato''. Il presidente del Consiglio ha fatto sapere che ''in settimana'' e' attesa ''la chiusura delle procedura per la proclamazione dello stato di emergenza'' e ha rivolto un appello ai turisti: ''Il Gargano non e' chiuso per lutto, e' aperto ai turisti, c'e' un finale di stagione... Il Gargano e' nelle condizioni di essere quel capolavoro di bellezza che e'''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Il Pd avvia il congresso, direzione per fissare percorso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia