domenica 22 gennaio | 20:12
pubblicato il 29/dic/2014 13:58

Renzi: nel 2015 ci sono le condizioni per cambiare l'Europa

E' il tema vero, si può fare restando dentro trattati

Renzi: nel 2015 ci sono le condizioni per cambiare l'Europa

Roma, 29 dic. (askanews) - Nel 2015 "si può e si deve cambiare l'Europa" e "ci sono tutte le condizioni per farlo restando dentro i trattati". Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante la tradizionale conferenza stampa di fine anno alla Camera dei Deputati.

"E' il tema vero del 2015", ha riconosciuto il premier, "l'Italia non può ripartire se non fa le riforme strutturali, che da sole però non bastano". Si può discutere, ha proseguito Renzi, su tanti aspetti, ma "le abbiamo chiare in testa, le stiamo mandando avanti. Senza riforme l'Italia è spacciata".

Per il presidente del Consiglio è necessario "un cambio di paradigma a livello europeo. Gli Usa hanno fatto registrare +5% nel terzo trimestre 2014, un numero straordinario".

"Molti Paesi anche rallentando il ritmo della crescita stanno segnando un "+ marcato", l'Europa no", ha ricordato Renzi. "L'Europa - ha aggiunto - è in una fase di grande difficoltà, tecnicamente parlando di stagnazione. L'Italia in quest'anno ha recuperato un po il gap: negli ultimi due anni abbiamo fatto il -2%, nel 2012 il -2,3%, nel 2013 -1,9%".

Quest'anno, ha proseguito, "il differenziale con gli altri Paesi si è molto ridotto, non a sufficienza perché siamo ancora a -0,4. Ma il dato vero è che stiamo sostanzialmente molto vicini agli altri Paesi europei. Abbiamo recuperato il gruppo, ma il problema è che la situazione è drammatica se non cambiamo paradigma economico".

Concludendo, ha spiegato il presidente del Consiglio nella sua risposta, ricordando che "l'Italia è un Paese che dà i soldi all'Europa, non che li prende", in questo 2015 "si può e si deve cambiare l'Europa, ci sono tutte le condizioni per farlo restando dentro i trattati. In questi sei mesi di guida italiana abbiamo cambiato il vocabolario, non ci facevano dire neanche flessibilità ai vertici. Oggi il vocabolario è cambiato, con le parole in Europa ci siamo organizzati nel 2014, per il 2015 ci aspettiamo i fatti. Il piano (Jeane-Claude) Juncker è un primo passo, ma certo non ancora sufficiente".

Fco

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4