martedì 06 dicembre | 13:47
pubblicato il 03/set/2015 13:37

Renzi: né demagogia, né buonismo, su migranti serve sforzo Ue

'Non basta commuoversi, ci si muova: diritto asilo e rimpatri'

Renzi: né demagogia, né buonismo, su migranti serve sforzo Ue

Roma, 3 set. (askanews) - Sui migranti "non è il tempo della demagogia. Questo non significa che è il tempo dell'iperbuonismo, ma della serietà e della politica". Lo ha detto il premier Matteo Renzi - a Firenze, in conferenza stampa con il premier maltese Joseph Muscat -, sollecitando ancora una volta una "risposta ampia, globale e complessiva" da parte di tutta l'Europa.

"L'Italia è un Paese solido e forte, che non ha i toni di demagogia che una parte del dibattito pubblico anche nazionale ha avuto in questi mesi. La stragrande maggioranza degli italiani - ha sottolineato il presidente del Consiglio - pur preoccupato per le notizie che i media mostrano, ha mostrato un volto solidale. Che vuol dire che se un bambino rischia di annegare si salva, che non tutti possono essere accolti per cui si fanno i rimpatri, ma che c'è un'umanità che nessuna ricerca del consenso può mettere in discussione". Dunque "continueremo a salvare le vite umane, su questo neanche si discute".

Ma al tempo stesso serve l'intervento dell'Europa. All'inizio, ha ricordato Renzi, "eravamo noi e Malta a proporre questo approccio". Ma ora che l'emergenza si è allargata a molti altri Paesi e che le immagini drammatiche si moltiplicano, il premier può annoverare anche "Merkel, Hollande e tanti altri leader" tra coloro che promuovono una risposta europea. "La Ue non può perdere la faccia" sulla questione immigrazione, ha ribadito, perché "è dovere dell'Europa dare una risposta unitaria che parta dal diritto di asilo europeo, dal rimpatrio europeo, ma anche da una strategia globale che tenga insieme gli interventi fondamentali da fare nei paesi di origine, aiuti allo sviluppo e gestione dell'emergenza e dei rimpatri con quei paesi".

Renzi dunque ancora non si esprime sulle anticipazioni del nuovo piano Juncker, che secondo le indiscrezioni chiederà tra le altre cose un contributo economico ai Paesi che rifiutano di accogliere migranti: "Attendiamo che la Commissione formalizzi le proposte" per affrontare la questione in un "pacchetto complessivo" che sia "coerente con la storia" dell'Europa, perché "non saranno interventi spot a salvarci". L'importante è che immagini come quelle del bambino curdo morto su una spiaggia turca, immagini "che stringono il cuore da padre prima che da premier", non abbiano come unico effetto la commozione: "L'Europa non si può solo commuovere, l'Europa si deve muovere. Di leader europei che si sono commossi ne abbiamo avuti già troppi, che si sono mossi qualcuno in meno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni