giovedì 08 dicembre | 09:00
pubblicato il 10/mar/2014 12:00

Renzi: mercoledì al vià riduzione delle tasse, giù di 10 mld

Il premier a Che tempo che fa: siamo a passo da legge elettorale

Renzi: mercoledì al vià riduzione delle tasse, giù di 10 mld

Roma, 10 mar. (askanews) - Matteo Renzi ospite ieri sera della trasmissione di Fabio Fazio "Che tempo che fa", a due settimane dal giuramento, lo ha detto chiaramente: il governo abbasserà le tasse di 10 miliardi di euro. "Per la prima volta si abbassano le tasse - ha dichiarato - mercoledì ce ne occuperemo in Cdm. Noi stiamo mettendo le date, una cosa che è un rischio pazzesco, ma è una cosa fondamentale. Mercoledì diamo ufficialmente inizio a un percorso: c'è l'impegno ad abbassare di 10 miliardi di euro le tasse". Il presidente del Consiglio non ha voluto dare dettagli e ha preferito non chiarire se l'intervento sarà focalizzato su Irpef o su Irap, ed ha mandato un segnale chiaro ad associazioni di categoria e sindacati. Non vogliamo sia un derby tra tra Irpef e Irap, tra sindacati e Confindustria, ha detto Renzi rispondendo a Fazio. "Ascoltiamo tutti ma poi decidiamo noi". E se Cgil e Confindustria non sono d'accordo "che hanno fatto negli ultimi 20 anni?" Il presidente del Consiglio ha iniziato il suo intervento partendo dalla scuola: "Un governo deve partire dalle cose più importanti - ha detto Renzi - abbiamo preso impegni concreti con i sindaci sull'edilizia scolastica. Mettiamo 10 miliardi in tre anni per rimettere a posto lo scuole. Ho chiesto una mano a Renzo Piano, perché ci sia un suo contributo. La priorità è partire dalle scuole per la ricostruzione del Paese, con la scuola intesa anche come insegnanti, educazione". Parlando delle legge elettorale Renzi ha affermato: "Spero questa sia la volta buona. Che si faccia una legge elettorale che porti al ballottaggio impedendo di fare larghe intese e impedendo di fare giochini da Prima Repubblica mi pare un bene. Poi si riduce il potere dei partitini, noi come centrosinistra ne abbiamo sofferto molto. Questa legge va a superare questo problema. Siamo a un passo. Domani si risolve, al massimo martedì mattina". Parità di genere? "Non voglio farlo sembrare poco importante, al governo ci sono 8 donne e 8 uomini per la prima volta. Non credo però che la parità di genere si affermi con un principio legislativo - ha risposto Renzi -. Alle donne vorrei dire che la parità vera in Italia è quando una donna non prende meno di un uomo con lo stesso mestiere, quando una donna non firma lettera di dimissioni perché è incinta. Io sono per la parità, l'ho dimostrato, ma questo non si affronta solo con una questione di poltrone in Parlamento". Infine il premier ha annunciato che Raffaele Cantone, magistrato anticamorra, sarà il capo dell'Autorità contro la corruzione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni