mercoledì 18 gennaio | 15:19
pubblicato il 13/ott/2016 20:07

Renzi lima la manovra: 10 mila assunzioni e via Equitalia

Il Premier all'Anci parla ai Sindaci: riportare fiducia superando il complottismo

Renzi lima la manovra: 10 mila assunzioni e via Equitalia

Roma, 13 ott. (askanews) - Diecimila assunzioni per Forze dell'Ordine e infermieri, abolizione di Equitalia e creazione di un "modello diverso" di agenzia, nessun taglio alla sanità. Sono alcuni dei punti della legge di Bilancio che il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha anticipato all'assemblea dell'Anci a Bari.

Il premier nel pomeriggio ha fatto una pausa dal lavoro sui numeri della manovra che però, ha assicurato, "chiuderemo tra stanotte e domani" prima dell'arrivo in Consiglio dei Ministri sabato. Una manovra che sarà incentrata su "due parole chiave: bisogno e merito", che "non è una parolaccia".

Entrando nel merito dei provvedimenti, Renzi, rispondendo a una precisa richiesta del presidente dell'Anci Antonio Decaro, ha spiegato che "sul turnover un segnale ci sarà. Possiamo immaginare di avere almeno per le forze dell'ordine, gli infermieri e, forse, i dottori, 10 mila unità per poter bandire subito i posti". Però, ha sollecitato anche un cambio di mentalità nei dipendenti pubblici: "Bisogna rottamare la filosofia 'Checcozaloniana' dell'impiegato pubblico, devono per primi tornare a sentire l'orgoglio di servire il tricolore. Poi bisogna anche sbloccare i contratti".

Come previsto, inoltre, "ci sarà un intervento importante per l'abolizione di Equitalia e la creazione di un modello diverso di agenzia". Intanto dal 7 novembre chi è in ritardo con i pagamenti riceverà un sms.Nessun taglio, ha detto ancora, anzi "più soldi per la sanità" e investimenti sull'edilizia scolastica "fuori dal Patto di Stabilità. E' tutto finanziabile - ha detto ai sindaci - ma bisogna tornare a progettare".

Ai Comuni arriveranno più soldi per lo sviluppo delle periferie."C'erano 500 mln sul 2016 - ha detto - ma avete presentato progetti per 2,1 mld. Tutti i progetti presentati saranno finanziati entro il 2017".

Se queste sono i provvedimenti della manovra, Renzi ha chiesto a tutti gli amministratori locali, che considera la "prima linea" dello Stato, di fare la propria parte per riportare la "fiducia" nel Paese. "Se per la prima volta c'è un sindaco alla guida del governo - ha detto - non è il riconoscimento a una persona ma a una funzione. Si è finalmente preso atto che il sindaco e i sindaci sono gruppo dirigente di questo Paese".

Anche da loro, dunque, parte il rilancio. "Io penso che l'Italia sia un Paese con un futuro straordinario, ne sono certo. E due anni e mezzo a Palazzo Chigi mi hanno convinto ancora di più, e ho provato il più grande stress test dell'ottimismo", ha spiegato, aggiungendo però che per far questo occorre superare un "atteggiamento molto forte in Italia", quello di chi "a fronte di chi ci sta provando vive nel complottismo, nell'idea che siano tutti ladri". Dunque, ha concluso, "non mollate alla rassegnazione e aiutateci a riportare fiducia in questo meraviglioso Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa