domenica 04 dicembre | 04:58
pubblicato il 24/ott/2013 12:00

Renzi: Letta è saggio e prudente, io voglio "rivoluzioncina"

"Rispetto a Enrico ho un atteggiamento profondamente diverso"

Renzi: Letta è saggio e prudente, io voglio "rivoluzioncina"

Firenze, 24 ott. (askanews) - Matteo Renzi si definisce "più radicale" di Enrico Letta, a favore di "una rivoluzioncina", mentre il premier, secondo il sindaco di Firenze "è molto più saggio e prudente". "Rispetto a Enrico -ha detto Renzi a Radio Dee Jay- c'è un atteggiamento profondamente diverso, nel senso che lui è uno molto più tranquillo, calmo più serio di me, dicono tutti, e non ho dubbio nel crederlo." "Io sono un pochino più radicale -ha continuato Renzi- secondo me ci vorrebbe una rivoluzioncina in Italia. Il cambiamento è necessario nel fisco, nella burocrazia, nella giustizia, nel livello della pubblica amministrazione, nel modo di concepire il Paese e anche l'establishment finanziario e bancario, perché poi ci sono i soliti, non solo i politici, così nelle università e nelle banche. Enrico -ha concluso Renzi- è uno molto più saggio e più prudente di me".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari