mercoledì 22 febbraio | 23:55
pubblicato il 21/dic/2015 14:14

Renzi: legge Stabilità piena di buone notizie, altro che marchette

Brunetta? "Quasi Nobel che guida resti di un gruppo parlamentare"

Renzi: legge Stabilità piena di buone notizie, altro che marchette

Roma, 21 dic. (askanews) - "Sì, è vero. È piena di buone notizie questa legge di Stabilità. E sono buone notizie vere, concrete. Altro che marchette come le ha definite con raffinata proprietà di linguaggio economica un quasi premio nobel che guida i resti di un gruppo parlamentare che una volta era molto numeroso (qui lo scambio di battute in aula). Sono buone notizie". Lo afferma il premier Matteo Renzi nella anticipazione della e-news.

"Ma c'è un disegno organico che ci guida: giù le tasse, difesa dei più deboli, semplificazione con le riforme, solidi e solidali - continua il premier -. I cinque stelle hanno detto che questa legge di stabilità è pensata per gli amici. È vero. Il Governo ammette di aver pensato agli amici". Da qui il premier elenca 12 punti in cui illustra chi sono gli "amici" del governo.

Renzi elenca nella e-news chi sono gli amici del governo destinatari della manovra economica. "Noi pensiamo agli amici. 1. Perché questo Governo è amico dei proprietari di casa e infatti ha tolto l'Imu e la Tasi. 2. Perché questo Governo è amico dei carabinieri, dei poliziotti, dei finanzieri, dei militari, dei vigili del fuoco e di tutti quelli come loro che avranno finalmente anch'essi gli 80 euro mensili. 3. Perché questo Governo è amico degli agricoltori che non pagheranno Imu e Irap agricola - continua Renzi -. 4. Perché questo Governo è amico delle famiglie che stanno in condizioni di povertà, per le quali è prevista per la prima volta una misura ad hoc".

"5. Perché questo Governo è amico di chi paga le tasse: pagare tutti significa pagare meno. E a cominciare dal canone se paghiamo tutti - finalmente - si paga meno. 6. Perché questo Governo è amico del sociale, dal dopo di noi al servizio civile, dal terzo settore alla non autosufficienza, dalle case popolari al miliardo in più sulla sanità - sottolinea il premier -. 7. Perché questo Governo è amico di chi investe sul capitale umano, dalle borse di studio all'area post-Expo, dai 500 milioni sull'ediliza scolastica alle nuove cattedre e ai nuovi ricercatori. 8. Perché questo Governo è amico della cultura, con teatro spettacoli e concerti non solo per i diciottenni, aumentato il tax credit per il cinema, per l'art bonus per i musei. 9. Perché questo Governo è amico delle famiglie numerose e della cooperazione internazionale, delle periferie e della cybersecurity. 10. Perché questo Governo è amico del mezzogiorno, dal credito di imposta fino a Bagnoli, dalla terra dei fuochi fino all'Ilva, dalla continuità territoriale con la Sardegna fino alla Napoli Bari. 11. Perché questo Governo è amico delle piccole imprese e delle partite iva, con l'anticipo iva per i crediti non riscossi, con lo statuto dei lavoratori autonomi. 12. Perché questo Governo è amico degli imprenditori che decidono di assumere, con una forma di decontribuzione mantenuta e che decidono di investire, con i superammortamenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech