lunedì 20 febbraio | 08:37
pubblicato il 01/mar/2016 20:17

Renzi: la ripresa in Italia è stabile, ma non ci accontentiamo

"Governo continuerà a spingere nella giusta direzione"

Renzi: la ripresa in Italia è stabile, ma non ci accontentiamo

Roma, 1 mar. (askanews) - "Assolutamente sì", la ripresa in Italia "è stabile. E tuttavia questo non ci deve far accontentare ma far insistere e continuare". Lo ha affermato il presidente del Consiglio Matteo Renzi, intervistato dal Tg1.

"Per tre anni l'economia italiana ha avuto il segno meno, ora c'è il segno più: sarebbe assurdo non guardare a questa novità come fatto positivo", ha rivendicato Renzi. "Ma dobbiamo fare di più: voglio spingere il governo per andare nella giusta direzione, quella di un'Italia che finalmente si rimette in moto".

Quanto al lavoro, "siamo già intervenuti contro disoccupazione: abbiamo recuperato mezzo milione di posti di lavoro, ci sono 764mila nuovi assunti a tempo indeterminato, e tutto questo grazie al jobs act. Ma la disoccupazione giovanile è ancora troppo alta": la risposta deve essere "investimenti in ricerca e infratrutture e sui nostri giovani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia