domenica 11 dicembre | 01:52
pubblicato il 19/gen/2016 21:03

Renzi: l'Italia è tornata, Ue lo accetti. E nomina Calenda

"Merkel dietro attacco di Weber", decisivo incontro del 29

Renzi: l'Italia è tornata, Ue lo accetti. E nomina Calenda

Roma, 19 gen. (askanews) - Nessun passo indietro, anzi. "L'Italia è tornata, più solida e ambiziosa", e quelli a cui dovesse dispiacere "se ne facciano una ragione". Matteo Renzi, da giorni in guerra aperta con Bruxelles, insiste sulla strategia scelta. Dall'Europa continuano ad arrivare segnali negativi, dalle parole del capogruppo Ppe Manfred Weber ("L'Italia mina la credibilità della Ue" bloccando gli aiuti alla Turchia) all'annuncio che sarà aperta un'indagine per aiuti di Stato all'Ilva, ma il premier non dà segno di voler indietreggiare. La novità riguarda l'avvicendamento nel ruolo di Rappresentante Permanente: via Stefano Sannino, da tempo 'congelato' dal governo, domani arriverà Carlo Calenda.

Una scelta che segna una discontinuità anche nel profilo del rappresentante italiano: l'ambasciatore Sannino veniva dalla carriera diplomatica, così come il suo predecessore Rocco Cangelosi. Calenda ha tutt'altra biografia: dirigente d'azienda prima e politico poi, con la candidatura in Scelta Civica e il passaggio al Pd. Insomma, un fedelissimo di Renzi, che con questa nomina sembra voler chiarire come il rapporto con la Ue lo voglia gestire direttamente. E senza i toni morbidi dei diplomatici.

E chissà che in questo modo possa riattivarsi quel canale con Juncker che non si è mai aperto: "E' stato lo stesso Juncker a lamentarsi in varie occasioni di non avere un'interlocuzione diretta con Renzi", spiegano fonti parlamentari, che fanno notare come sia il capo di gabinetto di Juncker, il potente Martin Selmayr, a gestire i rapporti tra Commissione e Italia. Con il problema che il tedesco Selmayr "è uomo della Merkel". Così come vicino alla cancelliera è Manfred Weber.

E probabilmente, perchè la crisi possa attenuarsi, bisognerà aspettare l'incontro con Merkel in programma a Berlino il 29 gennaio. Le ostilità Renzi le ha aperte infatti proprio contro il ruolo della Germania: gli affari con la Russia nonostante le sanzioni, il richiamo alle "regole uguali per tutti" contro il sospetto di 'doppio standard' a favore di Berlino, le misure per le banche. "La risposta è negli attacchi di Weber, nel comportamento di Selmayr che ha già fatto fuori Carlo Zadra, unico esponente italiano nel gabinetto comunitario, e nel fatto che Juncker ha scelto chiaramente di schierarsi con i tedeschi", osservano dal Pd. E se il sospetto è che dietro gli attacchi ci sia la Germania, è a Berlino che Renzi dovrà vincere la battaglia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina