domenica 22 gennaio | 01:29
pubblicato il 03/set/2016 12:59

Renzi: Italia in giusta direzione, con Cina sfide comuni

Il premier in Asia per G20 assicura: "Crescita bassa ma passo avanti"

Renzi: Italia in giusta direzione, con Cina sfide comuni

Roma, 3 set. (askanews) - Occorre essere "aperti al cambiamento e al futuro, come sta facendo l'Italia" che "dopo molti anni di crisi ha ripreso a marciare nella giusta direzione". Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, parlando agli studenti dell'Università Tongji di Shangai.

Anche da un punto di vista economico, ha rivendicato, "siamo usciti da una recessione, siamo tornati ad una crescita, molto più bassa delle nostre aspettative, ma che è decisamente un passo avanti rispetto alla crisi che affrontavamo due anni e mezzo fa".

Il premier, arrivato nel Paese asiatico per il G20 che si aprirà domani, questa mattina, prima di parlare all'ateneo, aveva incontrato il presidente della Repubblica cinese, Xi Jinping. Il presidente del Consiglio, parlando all'Università, ha sottolineato che l'amicizia tra Italia e Cina ha "attraversato i secoli" e oggi i due Paesi, pur nelle diversità, "condividono la stessa sfida: essere orgogliosi del passato e costruire il futuro".

Da qui l'opportunità, e la necessità, di aumentare gli scambi tra Italia e Cina, dal punto di vista culturale ed economico. "Siete i benvenuti - ha detto - nei nostri musei, ma ancora più benvenuti se insieme costruiamo laboratori e centri di ricerca. Su questi aspetti l'Italia vuol essere un punto di riferimento". Anche nell'interscambio commerciale servono passi avanti: "Gli investimenti tra Italia e Cina stanno aumentando, ma non sono contento del livello raggiunto, siamo cresciuti a 38 miliardi ma non basta, dobbiamo esportare di più. La Cina cresce con numeri interessanti con il ceto medio che può essere raggiunto da molte aziende italiane, che devono superare i 10 mld di export". Però "dobbiamo smettere di lamentarci della globalizzazione, che è una grande opportunità per l'Italia". Anche per questo domani, insieme al fondatore Jack Ma, Renzi visiterà il Campus di Alibaba e annuncerà un accordo su vino e agroalimentare, un settore su cui ad esempio, ha detto, "l'Italia può fare di più".

In questo e in altri campi, anche sollecitato dalle domande degli studenti, Renzi ha sottolineato che "l'Italia deve cambiare forma mentis educandoci a non avere paura del domani" e allo stesso tempo dare "anche una rete di salvataggio, un paracadute" a chi non ce la fa. "Chi fallisce - ha concluso - non è uno sfigato, è uno che ci ha provato e che dovrà fare meglio la volta dopo. Da noi il fallimento è visto come un peccato mortale, in altre zone del mondo è visto come un tentativo, un'occasione. Da questo punto di vista c'è bisogno di un approccio culturale diverso. Il futuro è un luogo meraviglioso dove andare e non soltanto un luogo di cui aver paura".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4