venerdì 24 febbraio | 09:42
pubblicato il 16/feb/2015 18:13

Renzi: in Libia ci assumiamo responsabilità, non giriamo testa

"Quattro anni fa l'intervento, ma istituzioni libiche non stabili"

Renzi: in Libia ci assumiamo responsabilità, non giriamo testa

Roma, 16 feb. (askanews) - Di fronte alla situazione in Libia "ci assumiamo la nostra responsabilità e non giriamo la testa dall'altra parte", sempre "cercando di avere la massima condivisione internazionale". Lo ha detto il premier Matteo Renzi, intervenendo alla Direzione del Pd.

"Le responsabilità italiane nel Mediterraneo non sono solo controllare i mari. Significa dare un significato al Mare Nostrum, che ha smesso di essere la frontiera dell'Europa", ha sottolineato Renzi, aggingendo: "C'è bisogno di una riflessione politica sul Mediterraneo, partendo dal fatto che 4 anni fa la comunità internazionale decise di intervenire in un certo modo, dal fatto che in questi 4 anni non siamo riusciti a dare stabilità alle istituzioni libiche, dal fatto che dobbiamo fare in modo che tutti in quell'area lavorino per la pace".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech