venerdì 20 gennaio | 17:20
pubblicato il 01/feb/2016 14:32

Renzi: il nostro mestiere è guidare la Ue, non prendere ordini

"Utile incontro con Merkel, spirito di Ventotene salverà l'Europa"

Renzi: il nostro mestiere è guidare la Ue, non prendere ordini

Roma, 1 feb. (askanews) - "Il nostro mestiere è guidare l'Europa, non andare in qualche palazzo di Bruxelles a prendere ordini". Lo scrive il premier Matteo Renzi, nella e-new inviata ai suoi sostenitori, in cui ripercorre gli appuntamenti di politica estera della sorsa settimana.

"I giorni appena passati sono stati caratterizzati da una intensa attività anche internazionale, a cominciare dalla storica visita del presidente Rouhani che ha scelto l'Italia come prima tappa dopo l'accordo sul nucleare e la fine delle sanzioni. Ma l'attenzione dei media - scrive Renzi - si è concentrata soprattutto sull'incontro con Angela Merkel. Sintetizzo così: l'Italia per anni aveva un debito morale con le istituzioni europee, e io dico soprattutto con i propri concittadini, perché parlava di riforme che non riusciva a realizzare. Adesso le cose sono cambiate. Le riforme sono leggi e dopo tre anni di recessione è tornato il segno più nei fondamentali economici. Possiamo tornare a fare il nostro mestiere, dunque". Ovvero "guidare" l'Europa, "non prendere ordini".

Del resto "l'Europa è figlia di un grande sogno, ideale e idealista. Il sogno di chi, rinchiuso in un'isola al confino, ebbe il coraggio e la forza di sognare gli Stati Uniti d'Europa. Mi riferisco naturalmente al manifesto di Ventotene, voluto da Altiero Spinelli, Ernesto Rossi e altri compagni di prigionia", ricordato da Renzi con una visita sabato scorso nell'isola pontina. "L'incontro con Angela Merkel è stato utile: insieme - sottolinea il premier - abbiamo ribadito che il più grande pericolo per l'Europa sono populismo e demagogia e io personalmente continuo a credere che populismo e demagogia crescano con più forza dove c'è disoccupazione, dove manca la crescita, dove l'austerity cieca annulla le prospettive di sviluppo. Ma quello che manca all'Europa di oggi è la dimensione ideale, la forza del sogno, la capacità di dire no a chi immagina muri e frontiere".

E allora "il giorno dopo Berlino, ho visitato Ventotene per annunciare l'impegno del governo italiano a rilanciare questo spirito europeo. E anche per presentare il progetto di recupero del carcere di Santo Stefano (dove tra l'altro sono stati rinchiusi alcuni tra i più grandi protagonisti della Resistenza e del dopoguerra, da Sandro Pertini a Umberto Terracini). Coinvolgeremo le migliori università europee, a cominciare dall'Istituto Universitario Europeo. E faremo del carcere una foresteria dove ospitare incontri, stage, corsi di formazione per giovani europei e del Mediterraneo. Quel posto, così carico di memoria, rischia di diventare un insieme di ruderi. Noi vogliamo salvarlo e rilanciarlo. Non salveremo l'Europa con i professionisti dello zero virgola, ma con la coscienza di una nuova generazione di cittadini europei. Solo lo spirito di Ventotene - conclude - potrà salvare l'Europa da chi vorrebbe erigere muri e chiudere Schengen".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire