sabato 10 dicembre | 13:35
pubblicato il 16/feb/2015 21:06

Renzi frena su intervento in Libia: non è il momento, agisca Onu

Premier corregge Pinotti: non ci prudono mani, armi extrema ratio

Renzi frena su intervento in Libia: non è il momento, agisca Onu

Roma, 16 feb. (askanews) - In Libia la situazione "è fuori controllo" ma "non è il tempo dell'intervento militare". Dopo le dichiarazioni di Roberta Pinotti, con tanto di dettaglio degli uomini da inviare, Matteo Renzi frena la fuga in avanti del ministro della Difesa e torna a insistere sulla via diplomatica e sugli "strumenti" che la comunità internazionale, "se vuole", ha a disposizione per frenare l'avanzata in Libia dell'Isis: ragionando con i suoi, il premier spiega infatti che dopo i video delle decapitazioni girati sulla sponda sud del Mediterraneo, tutta la comunità internazionale ha capito la gravità della situazione e l'Italia non è più una voce del deserto nel chiedere che ci si faccia carico della questione libica. Dunque ora un'iniziativa "politico-diplomatica" dell'Onu è considerata possibile da Renzi, anche in tempi "brevi e urgenti".

Di fronte alle critiche delle opposizioni, che parlano di retromarcia e "dilettantismo", da palazzo Chigi rivendicano la coerenza della posizione di Matteo Renzi: "Fin dal primo viaggio a Tunisi il premier ha continuamente insistito sulla necessità di un'azione diplomatica forte dell'Onu, e dunque non c'è nessun cambiamento". Il problema sono le parole della Pinotti, che oggi Renzi si è preoccupato di ridimensionare con un'intervista al Tg5. I collaboratori del premier spiegano infati che "nessuno ha in mente un'azione militare unilaterale, non è che ci prudono le mani...". Ma di sicuro dall'Italia arriverà "un forte sostegno alle iniziative che l'Onu vorrà mettere in campo: quello che l'Onu deciderà va bene".

Ragionamento che assomiglia a quello svolto da Paolo Gentiloni venerdì scorso: "Se non riuscirà la mediazione bisognerà fare qualcosa di più. E l'Italia è pronta a combattere in un quadro di legalità internazionale". Parole che oggi Renzi non ha ripetuto nè smentito direttamente, ma a palazzo Chigi si sottolinea la differenza fra le interviste rilasciate appunto dal titolare della Farnesina e da quella della Difesa: l'intervento militare viene comunque considerato, ma solo "come extrema ratio". E ovviamente solo dopo che la strada della diplomazia sia stata esperita con convinzione e nonostante questo sia fallita.

Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina