sabato 21 gennaio | 07:52
pubblicato il 16/feb/2015 21:06

Renzi frena su intervento in Libia: non è il momento, agisca Onu

Premier corregge Pinotti: non ci prudono mani, armi extrema ratio

Renzi frena su intervento in Libia: non è il momento, agisca Onu

Roma, 16 feb. (askanews) - In Libia la situazione "è fuori controllo" ma "non è il tempo dell'intervento militare". Dopo le dichiarazioni di Roberta Pinotti, con tanto di dettaglio degli uomini da inviare, Matteo Renzi frena la fuga in avanti del ministro della Difesa e torna a insistere sulla via diplomatica e sugli "strumenti" che la comunità internazionale, "se vuole", ha a disposizione per frenare l'avanzata in Libia dell'Isis: ragionando con i suoi, il premier spiega infatti che dopo i video delle decapitazioni girati sulla sponda sud del Mediterraneo, tutta la comunità internazionale ha capito la gravità della situazione e l'Italia non è più una voce del deserto nel chiedere che ci si faccia carico della questione libica. Dunque ora un'iniziativa "politico-diplomatica" dell'Onu è considerata possibile da Renzi, anche in tempi "brevi e urgenti".

Di fronte alle critiche delle opposizioni, che parlano di retromarcia e "dilettantismo", da palazzo Chigi rivendicano la coerenza della posizione di Matteo Renzi: "Fin dal primo viaggio a Tunisi il premier ha continuamente insistito sulla necessità di un'azione diplomatica forte dell'Onu, e dunque non c'è nessun cambiamento". Il problema sono le parole della Pinotti, che oggi Renzi si è preoccupato di ridimensionare con un'intervista al Tg5. I collaboratori del premier spiegano infati che "nessuno ha in mente un'azione militare unilaterale, non è che ci prudono le mani...". Ma di sicuro dall'Italia arriverà "un forte sostegno alle iniziative che l'Onu vorrà mettere in campo: quello che l'Onu deciderà va bene".

Ragionamento che assomiglia a quello svolto da Paolo Gentiloni venerdì scorso: "Se non riuscirà la mediazione bisognerà fare qualcosa di più. E l'Italia è pronta a combattere in un quadro di legalità internazionale". Parole che oggi Renzi non ha ripetuto nè smentito direttamente, ma a palazzo Chigi si sottolinea la differenza fra le interviste rilasciate appunto dal titolare della Farnesina e da quella della Difesa: l'intervento militare viene comunque considerato, ma solo "come extrema ratio". E ovviamente solo dopo che la strada della diplomazia sia stata esperita con convinzione e nonostante questo sia fallita.

Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4