venerdì 24 febbraio | 12:29
pubblicato il 16/feb/2015 21:06

Renzi frena su intervento in Libia: non è il momento, agisca Onu

Premier corregge Pinotti: non ci prudono mani, armi extrema ratio

Renzi frena su intervento in Libia: non è il momento, agisca Onu

Roma, 16 feb. (askanews) - In Libia la situazione "è fuori controllo" ma "non è il tempo dell'intervento militare". Dopo le dichiarazioni di Roberta Pinotti, con tanto di dettaglio degli uomini da inviare, Matteo Renzi frena la fuga in avanti del ministro della Difesa e torna a insistere sulla via diplomatica e sugli "strumenti" che la comunità internazionale, "se vuole", ha a disposizione per frenare l'avanzata in Libia dell'Isis: ragionando con i suoi, il premier spiega infatti che dopo i video delle decapitazioni girati sulla sponda sud del Mediterraneo, tutta la comunità internazionale ha capito la gravità della situazione e l'Italia non è più una voce del deserto nel chiedere che ci si faccia carico della questione libica. Dunque ora un'iniziativa "politico-diplomatica" dell'Onu è considerata possibile da Renzi, anche in tempi "brevi e urgenti".

Di fronte alle critiche delle opposizioni, che parlano di retromarcia e "dilettantismo", da palazzo Chigi rivendicano la coerenza della posizione di Matteo Renzi: "Fin dal primo viaggio a Tunisi il premier ha continuamente insistito sulla necessità di un'azione diplomatica forte dell'Onu, e dunque non c'è nessun cambiamento". Il problema sono le parole della Pinotti, che oggi Renzi si è preoccupato di ridimensionare con un'intervista al Tg5. I collaboratori del premier spiegano infati che "nessuno ha in mente un'azione militare unilaterale, non è che ci prudono le mani...". Ma di sicuro dall'Italia arriverà "un forte sostegno alle iniziative che l'Onu vorrà mettere in campo: quello che l'Onu deciderà va bene".

Ragionamento che assomiglia a quello svolto da Paolo Gentiloni venerdì scorso: "Se non riuscirà la mediazione bisognerà fare qualcosa di più. E l'Italia è pronta a combattere in un quadro di legalità internazionale". Parole che oggi Renzi non ha ripetuto nè smentito direttamente, ma a palazzo Chigi si sottolinea la differenza fra le interviste rilasciate appunto dal titolare della Farnesina e da quella della Difesa: l'intervento militare viene comunque considerato, ma solo "come extrema ratio". E ovviamente solo dopo che la strada della diplomazia sia stata esperita con convinzione e nonostante questo sia fallita.

Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech