domenica 04 dicembre | 03:26
pubblicato il 04/set/2015 16:43

Renzi esplora su riforme, vede Alfano e convoca senatori Pd

Martedì riparte esame in Senato, la sera premier a confronto con dissidenti

Renzi esplora su riforme, vede Alfano e convoca senatori Pd

Roma, 4 set. (askanews) - Il premier Matteo Renzi serra le fila della maggioranza sulla riforma costituzionale del Senato e del Titolo V che da martedì riprende l'iter a palazzo Madama in commissione Affari Costituzionali , schiacciata dalla mole delle migliaia di emendamenti dell'opposizione. E su cui è attesa la decisione del presidente del Senato Pietro Grasso circa la possibilità di votare di nuovo oppure no sulla elezione diretta dei senatori cancellata dalla riforma in prima lettura e ora riproposta da molti emendamenti, con ampio consenso parlamentare.

Ago della bilancia nei numeri della maggioranza a palazzo Madama sono i senatori dissidenti della minoranza Pd e quelli centristi di Ap. E Renzi oggi ha incontrato Alfano e i capigruppo centristi Schifani e Lupi mentre alla minoranza Pd ha dato appuntamento per martedì alle 20 sempre a palazzo Madama, assicurando la sua presenza all'assemblea dei senatori dem sulle riforme convocata dal capogruppo Luigi Zanda.

Ap sembra aver assicurato a Renzi i suoi voti, pur insistendo sulla opportunità di accogliere alcuni degli emendamenti senza prove muscolari di forza. "La prossima settimana - ha annunciato Alfano dopo l'incontro con Renzi- ci sarà una riunione tra una delegazione di Ap e una del Pd per definire la strategia, l'obiettivo è un referendum nel 2016 che veda da una parte noi, quelli che hanno fatto ripartire l'Italia, e dall'altro lato un fronte che va dall'estrema destra all'estrema sinistra di coloro che l'Italia la vogliono paralizzare".

"I numeri sono diversi dalla prima lettura ma sono convinto - ha sottolineato per parte sua il capogruppo Ap Schifani- che ci saranno. Di fronte alla responsabilità di bloccare il percorso delle riforme molti parlamentari risponderanno alla loro coscienza, sapendo che è meglio una riforma discreta che una non riforma. Sono ottimista". Per Schifani dunque "entro ottobre si può esitare il testo. Sappiamo che c'è il problema dei tantissimi emendamenti: se si raggiungerà un accordo politico bene, altrimenti faremo la nostra parte" nelle votazioni. Anche per lui, comunque, ci sono "esigenze di modifica" del testo, in particolare per quel che riguarda le funzioni del nuovo Senato: "Serve un riequilibrio di compiti e funzioni rispetto all'intervento fatto alla Camera". Sul tema dell'elettività invece, quello che più agita il Pd, "noi avevamo fatto un passo indietro rispetto alla proposta Quagliariello che prevedeva l'elettività accogliendo l'impostazione del governo. Ora siamo aperti all'ipotesi del listino alle Regionali e ci auguriamo che su questo si trovi una sintesi con la minoranza del Pd".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari