venerdì 20 gennaio | 15:50
pubblicato il 03/ott/2014 21:30

Renzi: discuto con Merkel, ma suo modello scuola-lavoro funziona

Non c'è una maestra che insegna e novellini che imparano

Renzi: discuto con Merkel, ma suo modello scuola-lavoro funziona

Ferrara, 3 ott. (askanews) - È inutile lamentarsi soltanto dell'eccessivo rigore imposto dalla Germania agli altri paesi europei. Bisogna anche riconoscere che il modello tedesco su scuola-lavoro funziona. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervistato da tre giornalisti stranieri al Festival di Internazionale a Ferrara.

"Possiamo lamentarci finché vogliamo - ha detto Renzi - ma dobbiamo avere il coraggio di dire la verità. È inutile lamentarsi della Germania se poi non capiamo il modello adottato" per garantire un rapporto tra "scuola e lavoro". "Io - ha aggiunto il premier - discuto con la Merkel, ma quello è un modello che funziona".

In un suo precedente intervento Renzi, parlando delle politiche economiche europee, ha detto che "non ci può essere una maestra che insegna e altri novellini che imparano".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Governo
Prodi da Gentiloni a Palazzo Chigi, incontro di un'ora
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"