domenica 04 dicembre | 07:33
pubblicato il 31/lug/2015 16:28

Renzi difende sprint Rai: cda non sarà a termine, modello è Bbc

Legge impone nomina, non potevo aspettare tempi Camere per riforma

Renzi difende sprint Rai: cda non sarà a termine, modello è Bbc

Roma, 31 lug. (askanews) - E' la legge che impone il rinnovo del Cda Rai, e non si poteva aspettare che il Parlamento approvasse la riforma. La prossima settimana si insedierà dunque il nuovo Cda - secondo le procedure previste dalla Legge Gasparri - che "non sarà a termine" e sarà scelto - soprattutto nelle figure di Presidente e Direttore generale - in base a due criteri: "Autorevolezza e competenza", per avvicinare la Rai al "modello Bbc". Matteo Renzi difende l'accelerazione sul rinnovo del Cda di viale Mazzini, e inizia a delineare il profilo di chi sarà guidato a chiamare l'azienda televisiva pubblica.

Innanzitutto, Renzi replica alle critiche arrivate anche da consiglieri attualmente in carica, come Benedetta Tobagi, per aver proceduto al rinnovo con la legge Gasparri: "Ho chiesto al Parlamento di fare la riforma in tempo per il rinnovo del Cda, ma abbiamo rispettato il Parlamento e non abbiamo fatto un decreto. L'iter normale purtroppo non è andato a buon fine e siamo in prorogatio da mesi". Basta critiche, dunque, chiede Renzi, perchè "se fai il dl non rispetti il Parlamento, se rispetti il Parlamento non puoi fare le nomine... Eh no ragazzi...". Ora giunti al 31 luglio "è giusto che si possa avere un nuovo Cda". Del resto "il rinnovo lo si fa perchè lo prescrive la legge", mentre "scorretto sarebbe stato continuare con il vecchio Cda: sarebbe stata un'assurdità giuridica non nominare il Cda perchè nel frattempo si fa la legge: il Cda è scaduto e non possiamo tenerlo in prorogatio".

Dunque si procederà con il timing serrato deciso ieri: "Individueremo 7 consiglieri in Vigilanza Rai e lo faremo il 4 agosto. Il 5 il governo presenterà la proposta per Presidente e Dg, ispirate da criteri di autorevolezza e competenza". Il modello "deve essere quello della Bbc, di assoluta indipendenza".Poi il 6 agosto "la Vigilanza voterà sulla proposta e vedremo se il 7 avremo un Cda in carica", se la Vigilanza approverà con i due terzi la proposta del governo". Un Cda che, assicura Renzi, "non sarà a termine, durerà fino al bilancio del 2017", e dunque fino a maggio del 2018. E "nel momento in cui entrerà in vigore la nuova legge, i poteri previsti per l'Ad vengono trasferiti al Dg che è in carica fino al 2018".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari