lunedì 27 febbraio | 06:27
pubblicato il 05/mag/2014 12:00

Renzi: Daspo a vita? Studieremo proposta, ma discorso più ampio

Non è solo una questione di regole

Renzi: Daspo a vita? Studieremo proposta, ma discorso più ampio

Roma, 5 mag. (askanews) - "Si è parlato del Daspo a vita: è una proposta seria che studieremo, ma il discorso è più ampio, non si tratta solo di una questione di regole". Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, in un'intervista al programma di Italia uno 'Tiki Taka - Il calcio è il nostro gioco', in onda stasera alle 23.05. "Per esempio - ha spiegato il premier - la sicurezza negli stadi non deve essere sostenuta economicamente dai cittadini, ma dalle società, che devono corresponsabilizzarsi. Anche la legge sugli stadi deve rientrare in questo discorso, ma potrà funzionare solo se in un pacchetto di revisione complessiva, anche dal punto di vista educativo. Lo dico con il sorriso sulle labbra e l'amarezza nel cuore: è una partita che avremmo comunque dovuto giocare, a prescindere dai fatti di Roma".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech