martedì 06 dicembre | 13:31
pubblicato il 30/gen/2016 13:36

Renzi da Ventotene rilancia ideali Ue: non la faremo distruggere

Il premier rende omaggio a Spinelli: l'Italia alza la voce per essere sprone di una nuova Europa solidale

Renzi da Ventotene rilancia ideali Ue: non la faremo distruggere

Ventotene (Lt), 30 gen. (askanews) - Un'Europa di ideali, non di muri e di beghe da cortile. E' quella riaffermata dal presidente del Consiglio Matteo Renzi che, all'indomani dell'incontro con Angela Merkel, è arrivato, insieme al ministro per i beni culturali Dario Franceschini, a Ventotene dove, dal confino, Altiero Spinelli redasse ormai 70 anni fa il Manifesto per l'Europa.

La prima tappa di Renzi è stata proprio un omaggio a Spinelli, con la deposizione di un mazzo di fiori sulla sua tomba. Poi, il premier e il ministro hanno visitato l'antico carcere sull'Isola di Santo Stefano, dove fu rinchiuso per un anno anche Sandro Pertini. Il carcere, ha annunciato Renzi, diventerà un centro di formazione per i giovani europei, per la futura classe dirigente dell'Unione, con un finanziamento di 80 milioni.

Quindi Renzi, tornato a Ventotene, dopo aver salutato i giovani del Movimento federalista europeo, ha tenuto un intervento richiamando agli ideali su cui è stata fondata l'Unione europea. Senza quegli ideali, ha sottolineato, oggi "l'Europa rischia di crollare" e l'Italia, ha rivendicato, è in prima linea per evitarlo: "Chi vuole distruggere Schengen, vuole distruggere l'Europa e noi italiani non lo permetteremo". L'Italia, dunque, ha e deve avere un ruolo chiave per l'Unione. E "quando l'Italia cerca di affermare un modello diverso non stiamo facendo le bizze o rivendicando un doveroso interesse nazionale, cerchiamo di riportare l'Europa a quel che deve essere. C'è bisogno di una Italia che faccia sentire la propria voce, non per rivendicazione ma con l'orgoglio di chi conosce il grande contributo che le nostre donne e i nostri uomini hanno dato a questo ideale".

Dunque, è la risposta a chi critica la linea del governo, "a quelli che fuori pensano che l'Italia richiami l'attenzione per chiedere qualcosa, rispondiamo che abbiamo bisogno di chiedere qualcosa per noi come cittadini europei: più ideali, più sogni, chiediamo che un ideale non venga trascinato in beghe da cortile, che fanno crescere populismo e demagogia". Un'Europa fatta non di "nuovi muri" contro i migranti che "non stanno venendo in gita ma stanno scappando da fame, guerra e mancanza di libertà" ma un'Europa "sociale" e costruita sugli ideali perchè oggi "abbiamo l'euro nelle nostre tasche, istituzioni europee democratiche, ma rischiamo di non avere l'ideale nel motore capace di costruire un pezzo dell'Europa che verrà".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni