lunedì 23 gennaio | 10:24
pubblicato il 25/feb/2015 21:30

Renzi convoca gruppi e sfida correnti,minoranza potrebbe disertare

Il premier infastidito dalle iniziative di area

Renzi convoca gruppi e sfida correnti,minoranza potrebbe disertare

Roma, 25 feb. (askanews) - Quella convocazione ha colto di sorpresa molti nel Pd. La lettera aperta di Matteo Renzi ai parlamentari democratici, in cui si annuncia per venerdì un pomeriggio di dibattiti da un'ora ciascuno su scuola, Rai, ambiente e fisco, è piaciuta a pochi. E buona parte della minoranza, a quanto pare, probabilmente non parteciperà. Nessun "ordine di scuderia", assicurano, "ognuno deciderà individualmente", ma sono in molti a dare per scontato che non ci sarà Pier Luigi Bersani, né i parlamentari a lui vicini come Davide Zoggia, Alfredo D'Attorre, Stefano Fassina. La mossa del premier viene descritta, da fonti della minoranza, come una reazione alla nascita della corrente dei "renziani non ortodossi", ovvero quelli che fanno capo a Graziano Delrio e Matteo Richetti che stasera si riuniranno. Richetti, in Transatlantico, oggi assicurava che dal premier c'è un via libera all'iniziativa di questa sera.

Di sicuro, ad alzare la voce è innanzitutto Bersani. "Non facciamo finta di discutere, non ce la caviamo in un'ora sul fisco o sulla Rai", avverte l'ex segretario. Come lui, però, la pensano in molti. La stessa Sandra Zampa, prodiana e vice-presidente del partito, scrive una lettera a Roberto Speranza per chiedere al presidente dei deputati Pd di convocare il gruppo, unica sede nella quale possono essere prese "scelte condivise". E il richiamo di Renzi contro le correnti sembra lasciare perplesso anche Andrea Martella, vice-presidente dei deputati democratici, che su twitter replica con una battuta: "Bene Renzi, sì al confronto nel Pd, no alle correnti. Ottimo se vale anche per quelle già organizzate".

Per i renziani, chiaramente, la polemica non ha ragion d'essere: "Se non convoca i parlamentari lo criticano perché decide da solo, se li convoca non va bene il modo...", ragiona uno dei parlamentari vicini al premier. Una spiegazione che a molti non basta: "Sembra che cerchi lo scontro deliberatamente", ragiona un esponente della minoranza. Lo stesso Speranza, oggi, in una intervista al "Corriere della Sera" ha espresso tutta la propria delusione per la decisione del governo di ignorare i pareri del Parlamento sui decreti attuativi del Jobs act.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4