domenica 26 febbraio | 13:06
pubblicato il 04/lug/2016 16:50

Renzi: con no referendum presa atto Camere, ma non decido io

Se qualcuno pensa che possa non esserci gli faccio i complimenti

Renzi: con no referendum presa atto Camere, ma non decido io

Roma, 4 lug. (askanews) - Un no al referendum comporterebbe inevitabilmente le dimissioni di un governo nato per fare le riforme e lo stesso dovrebbe valere per un Parlamento che ha rieletto Giorgio Napolitano, ma la valutazione su questo secondo punto toccherà al capo dello Stato. Lo ha detto Matteo Renzi parlando alla direzione Pd. "Ormai è un refrain, Renzi ha personalizzato. Vorrei essere chiaro: c'è qualcuno tra di voi che possa pensare, in modo sincero, che dopo che questa legislatura è nata in questo modo, incentrata sulle riforme, c'è qualcuno che pensa sinceramente che nel caso in cui il referendum si concludesse con un no, dal presidente del Consiglio - aggiungerei anche il Parlamento, ma non mi riguarda - possa non esserci una presa d'atto? Se c'è qualcuno gli faccio i complimenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech