lunedì 27 febbraio | 18:18
pubblicato il 25/feb/2014 10:13

Renzi: Coldiretti, quasi 1 giovane su 3 non lo conosce

Renzi: Coldiretti, quasi 1 giovane su 3 non lo conosce

(ASCA) - Roma, 25 feb 2014 - Quasi un giovane italiano su tre (31 per cento) non conosce il nome del Presidente del consiglio, il 30 per cento quello del presidente della Camera e il 37 per cento quello del presidente del Senato a conferma del gap che deve essere ancora colmato tra politica e popolazione. E'quanto emerge - riferisce una nota - dalla prima analisi Coldiretti/Ixe' su ''Crisi: i giovani italiani e il lavoro nel 2014'', presentata all'Assemblea elettiva di Giovani Impresa Coldiretti nel giorno del voto di fiducia della Camera al Governo Renzi, dalla quale si evidenzia che il positivo ringiovanimento della politica non e' ancora entrato nel profondo delle nuove generazioni. Secondo l'indagine - sottolinea Coldiretti - appena il 5 per cento dei giovani italiani non conosce il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e il Papa che tra le nuove generazioni nel 2014 regnano ancora incontrastati tra le star della vita economica e sociale. Se sui nomi regna l'incertezza, molto chiari sono, invece, gli obiettivi indicati dai giovani per il nuovo Governo con in testa l'economia e il lavoro (81 per cento) che - sottolinea Coldiretti - battono nettamente le riforme elettorali e costituzionali (43 per cento) con l' ''Italicum'' che si classifica quasi a pari merito con i servizi come scuola, sanita' e trasporti (42 per cento). Nell'ambito economico - precisa Coldiretti - priorita' viene data alla crescita (65 per cento) e, a seguire, a pari merito difesa dei posti di lavoro, riduzione delle tasse e lotta all'evasione (49 per cento). Per il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, ''la crisi occupazionale si fa sentire in termini che non hanno precedenti dal 1945 ad oggi, all'interno dell'universo giovanile. Si e' creata una barriera di entrata nel mondo del lavoro, che rischia di indebolire in modo strutturale la coesione sociale del nostro Paese. Pensiamo - prosegue il rappresentante degli agricoltori italiani - che il tempo delle 'aspirine' e dei 'pannicelli caldi' sia finito: auspichiamo che questo governo giovane sappia mettere in campo 'misure radicali' a costo di rimettere in discussione i patti con l'Europa'', conclude il presidente di Coldiretti.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech