domenica 04 dicembre | 07:03
pubblicato il 09/mag/2016 18:24

Renzi chiede tregua a minoranza Pd: referendum e poi congresso

"Mobilitazione permanente su amministrative e riforme"

Renzi chiede tregua a minoranza Pd: referendum e poi congresso

Roma, 9 mag. (askanews) - Cinque mesi di tregua dalle polemiche, cinque mesi in cui il Pd "senza vergognarsi" di se stesso affronti le amministrative e il referendum sulla riforma. E poi si apra in anticipo la fase congressuale, con cui "fare chiarezza" all'interno del partito in vista delle elezioni del 2018. E' l'agenda che Matteo Renzi propone al Pd e soprattutto alla minoranza interna.

Dunque, cinque mesi di "mobilitazione permanente", in cui il Pd dovrà rivendicare "quanto fatto su Europa e lavoro". Cinque mesi durante i quali "non abbiamo nessun motivo per continuare una sfibrante discussione interna quando altri compagni sono impegnati in prima fila nella battaglia delle amministrative". Cinque mesi in cui "non chiedo una moratoria delle polemiche ma di fare uno sforzo di non vergognarsi di ciò che abbiamo fatto e di quello che vogliamo fare sul territorio". Riferimento ai tanti indagati di queste settimane tra gli amministratori Dem: "Ci sono 50mila amministratori del Pd. La più grande comunità di donne e uomini che fanno politica nella storia europea. Una comunità della quale siamo fieri, ma che probabilmente dovrebbe essere lei stessa più fiera di quello che stiamo facendo".

Il primo obiettivo dovrà essere dunque quello di "tirare su" le percentuali del Pd "soprattutto nei comuni dove rischiamo di non andare al ballottaggio". Compito difficile, perchè alle amministrative "si prende sempre meno" che in altri tipi di elezione a causa della presenza di liste civiche, ma proprio per questo ancora più importante. Abbinando ai temi delle città i banchetti per chiedere ai cittadini le firme per il referendum sulla riforma costituzionale. Uno sforzo che poi proseguirà durante le vacanze estive fino al rush finale nel mese che procederà la consultazione referendaria. Sapendo che il successo delle riforme è l'unico modo per "evitare che il virus del populismo vinca anche in Italia".

"Dal giorno dopo - ha ribadito Renzi - congresso", anticipando "di qualche mese il percorso". Scelta che "si può decidere insieme: in modo molto unitario nella formazione del percorso, immagino e spero in modo diviso sui contenuti e sui candidati, anche perchè non avrebbe senso il contrario vista la recente storia. Ma un minuto dopo il referendum, se andrà bene come sono sicuro che andrà, va aperta la fase congressuale". E lì "si può votare in tre mesi, sei mesi, un anno, per tesi o singole questioni, io ci sarò. Potete scegliere l'arma, ma l'importante è che ci sia l'arma della franchezza. Ma da qui a cinque mesi dobbiamo mettere al centro le istanze profonde del nostro popolo e della nostra gente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari