giovedì 23 febbraio | 21:48
pubblicato il 30/giu/2014 12:00

Renzi: carriera toghe per meriti, non per appartenenza corrente

"Deciderà il Csm, ma chi nomina non giudica, e viceversa"

Renzi: carriera toghe per meriti, non per appartenenza corrente

Roma, 30 giu. (askanews) - "L'indipendenza della magistratura è un concetto cui inchinarsi. Detto questo, vogliamo dire che si fa carriera per merito e non per appartenenza di corrente?". Così Matteo Renzi illustra uno dei punti cardine della riforma della giustizia della quale oggi il Cdm ha esaminato le linee guida. "E' un principio sacrosanto: vogliamo che un giudice faccia carriera perchè è bravo o se non è bravo è meglio che non faccia carriera. Non tocca ai politici dire chi è bravo, tocca all'organo di autogoverno della magistratura. Ma in questi due mesi vorremmo discuterne". Con l'obiettivo appunto di "più carriera per merito non appartenenza". Quanto al Csm, altra precisazione di Renzi: "Chi giudica non nomina, chi nomina non giudica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech