lunedì 23 gennaio | 04:12
pubblicato il 30/giu/2014 12:00

Renzi: carriera toghe per meriti, non per appartenenza corrente

"Deciderà il Csm, ma chi nomina non giudica, e viceversa"

Renzi: carriera toghe per meriti, non per appartenenza corrente

Roma, 30 giu. (askanews) - "L'indipendenza della magistratura è un concetto cui inchinarsi. Detto questo, vogliamo dire che si fa carriera per merito e non per appartenenza di corrente?". Così Matteo Renzi illustra uno dei punti cardine della riforma della giustizia della quale oggi il Cdm ha esaminato le linee guida. "E' un principio sacrosanto: vogliamo che un giudice faccia carriera perchè è bravo o se non è bravo è meglio che non faccia carriera. Non tocca ai politici dire chi è bravo, tocca all'organo di autogoverno della magistratura. Ma in questi due mesi vorremmo discuterne". Con l'obiettivo appunto di "più carriera per merito non appartenenza". Quanto al Csm, altra precisazione di Renzi: "Chi giudica non nomina, chi nomina non giudica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4