sabato 25 febbraio | 14:36
pubblicato il 11/feb/2015 20:20

Renzi: Berlusconi non c'entra con rinvio riforma, è barzelletta

'Sistema non funziona: ci metteremo un mese in più ma lo cambiamo'

Renzi: Berlusconi non c'entra con rinvio riforma, è barzelletta

Roma, 11 feb. (askanews) - "Con Berlusconi i rapporti non sono particolarmente positivi, ma non c'entra niente... E' una barzelletta". Così Matteo Renzi, intervistato da SkyTg24, sul rinvio del decreto legislativo sul fisco.

"Il tema del fisco, banalmente è che siccome è arrivata la 'lista Falciani', la Francia ha fatto un'indagine, ha contestato dei soldi agli evasori e ha portato a casa quei soldi; la Germania ha fatto un'indagine, ha contestato un tot milioni e li ha portati a casa; l'Italia ha contestato 740 milioni di potenziale evasione e ha portato a casa 29 milioni. Siamo l'unico Paese che non riesce, perché il sistema non funziona", ha spiegato il premier.

Dunque "il problema è mettere delle regole che consentano di riprendersi i soldi. Il resto sono barzellette: l'ossessione berlusconiana non c'entra niente. Il punto è: perché gli italiani sono gli unici che non portano a casa i soldi che contestano agli evasori? Ci metteremo un mese in più, ci prenderemo il tempo necessario, ma dal primo settembre parte il nuovo sistema e se contesto 740 milioni porto a casa 740, non 29".

"Meglio non fare pasticci e verificare tutto prendendosi un po di tempo in più", aggiunge Renzi, spiegando il motivo per cui il governo ha deciso di rinviare a maggio, con entrata in vigore il primo settembre, la parte di riforma del fisco che riguarda le norme per combattere l'evasione e rendere più efficace la riscossione da chi ha evaso.

Questa seconda parte della riforma Renzi la chiama "il fisco come giudice e contiene accertamento, riscossione, abuso del diritto, certezza del diritto" ma, ha chiarito, "siccome la stiamo studiando bene, per evitare quella schifezza del mancato recupero di milioni di euro di evasione serve un criterio chiaro che cambi profondamente il sistema, l'agenzia delle entrate Equitalia, ecc.., e che permetta di avere tutti i soldi che dobbiamo avere". Questa seconda parte della riforma "entrerà in vigore il 1° settembre".

"Se io pago 100 milioni di euro di tase e sbaglio per un piccolo errore e ne pago 99 ho evaso un milione, che è moltissimo, ma è solo l'1% di evasione - spiega Renzi - la proposta che facciamo è che in quel caso ci sia comunque sanzione e si paghi il doppio anche se ti depenalizzo. Ma su questo c'è una discussione vera e complicata, perciò verifichiamo, ci prendiamo tutto il tempo che serve... E' 70 anni che il sistema non funziona, perciò ora la studiamo meglio per non fare pasticci e la facciamo a maggio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Sinistra
Nasce il movimento degli ex Pd, primo nodo il rapporto col governo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech