domenica 11 dicembre | 07:53
pubblicato il 21/gen/2016 10:37

Renzi: autorizzazioni e investimenti, riforma P.A. cambia passo

"Merito e costi standard in sanità, più efficienza sui porti"

Renzi: autorizzazioni e investimenti, riforma P.A. cambia passo

Roma, 21 gen. (askanews) - Anche con i decreti attuativi della riforma della Pubblica amministrazione "stiamo rendendo l'impossibile possibile". Lo rivendica il presidente del Consiglio Matteo Renzi, nella conferenza stampa a palazzo Chigi all'indomani del Cdm che ha varato una serie di dlgs.

Che Renzi elenca: "Tempi tecnici per le autorizzazioni. Servivano 8, 9 10 anni. E' finito quel tempo. Oggi abbiamo un sì o un no al massimo in 5 mesi, proprio se c'è una coincidenza di sfortune. E' una norma evangelica: sia il vostro parlare chiro, sì sì o no no. E' una grande novità". Con anche "un unico documento in tutto il Paese: se non servono autorizzazioni si parte subito, altrimenti tempi più rapidi possibili". Poi "c'è lo sblocca provvediemnti. Se alcuni interventi sono considerati particolarmente importanti da un sindaco o da un presidente di Regione o da un ministro, possono essere portati in Cdm e i tempi ordinari si dimezzano. L'amministratore si gioca un jolly: segnala che un progetto è importante, passa in Cdm che dà una sorta di corsi preferenziale e si dimezzano i tempi".

Sui porti "abbiamo semplificato le procedure e riduciamo a 15 le autorità portuali, con una sana e seria politica di coordinamento. E' allucinante, con il raddoppio di Suez, che i carichi passano da lì e arrivano fino a Rotterdam. Qualche poltrona in meno, ma qualche efficienza in più". Capitolo trasparenza: "Una delle caratteristiche su cui investiamo di più. Dati e numeri resi più evidenti e chiari agli occhi dei cittadini".

Sui manager sanitari "chi gestisce male va a casa. Sarà facilissimo rimuovere un dirigente sanitario che produce sprechi" e la loro scelta avverrà "su titoli pubblici e da un elenco nazionale, merito merito merito". Sullo stesso filone c'è "la riduzione degli stipendi per gli amministratori che non producono utili". Mentre sempre sulla sanità "c'è il principio dei costi standard".

Poi c'è il Corpo Forestale dello Stato che "entra nei Carabinieri, e riduciamo i corpi di polizia da 5 a 4". E infine il capitolo rifiuti: "Nella mia provincia c'erano 5 aziende di rifiuti, ho fatto alcune fusioni. Il punto è dare certezza di diritto rispetto agli ambiti territoriali ottimali, incoraggiare le aggregazioni, rimuovere attraverso strutture commissariali chi non procede alla fusione, ma sui rifiuti c'è spazio per un grande processo di aggregazioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina