domenica 26 febbraio | 18:50
pubblicato il 01/set/2014 14:56

*Renzi: annunciare le date serve per vincere le resistenze

"Sei mesi fa non avrei creduto a tutto quello che abbiamo fatto" (ASCA) - Roma, 1 set 2014 - Fissare in continuazione date serve a "vincere le resistenze" e non a fare una politica di annunci. Lo ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi durante una conferenza stampa: "Ha un senso impiccarsi a una data? Si', perche' - voi conoscete padronanza del mio inglese - l'espressione accountability non esiste in italiano: e' una responsabilita' ampia, l'idea che ciascuno debba rendere conto di cio' che fa. E' l'ossessione del mio fratello maggiore Delrio, che dice sempre: 'Proprio una data bisognava dare?'". Per Renzi fissare delle date "e' stato l'elemento che ha consentito in questi primi sei mesi di superare le resistenze. Se mi avessero detto sei mesi fa che avremmo mantenuto l'impegno sulla riforma costituzionale e elettorale io non ci avrei creduto". E poi: "La riforma della P.a., il dimezzamento dei permessi sindacali, il limite allo stipendio dei dirigenti: se mi avessero detto che tutte queste cose sarebbero state realizzate in sei mesi io per primo avrei avuto dei dubbi".

Adm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech