lunedì 05 dicembre | 18:11
pubblicato il 18/lug/2015 15:57

Renzi annuncia "rivoluzione copernicana", via tasse su prima casa

Entro il 2018. E all'assemblea Pd spinge su riforme e unioni civili

Renzi annuncia "rivoluzione copernicana", via tasse su prima casa

Roma, 18 lug. (askanews) - "Una rivoluzione copernicana nel fisco". E' la promessa lanciata dal premier Matteo Renzi all'assemblea nazionale del Pd a Milano. "Il Pd non sarà più il partito delle tasse - assicura - diventiamo il primo partito che le tasse le riduce davvero", grazie a un piano che entro la fine della legislatura nel 2018 porterà alla "riduzione di tasse che non ha paragoni con la storia repubblicana".

"Se riusciamo a mantenere in pista il cantiere delle riforme nel 2016 - ha spiegato Renzi - elimineremo noi, perchè gli altri hanno fatto la finta, la tassa sulla prima casa, l'Imu agricola e sugli imbullonati. Nel 2017 interverremo su Ires e Irap e, nel 2018 a conclusione di un percorso, sugli scaglioni Irpef e sulle pensioni, mantenendo la curva del debito in termini accettabili. Il mio impegno qui è fare per 5 anni una riduzione di tasse che non ha paragoni con la storia repubblicana".

Il discorso del segretario è durato più di un'ora e il suo ragionamento ha toccato tutti i principali temi dell'attualità politica interna e internazionale. Partendo dai risultati ottenuti dal suo governo in questi sette mesi: "l'economia finalmente si è rimessa in moto grazie al lavoro del Pd". Non teme il premier la concorrenza di Grillo che dice, "oggi spiega sul Financial Time la situazione italiana e il dramma della Grecia rinchiuso in un golf club", e nemmeno di Salvini: "dice basta euro? Vada a dirlo agli imprenditori del Nord Est che ora viaggiano più veloce della Germania" e li liquida con qualche battuta e mostrando su uno schermo le foto dei due leader delle opposizioni.

Renzi ha però anche lanciato un appello alle forze politiche di opposizione a lavorare insieme contro il terrorismo internazionale, quindi un passaggio sui rapporti interni: il "Pd è il partito più votato in Italia dal '58 ad oggi, è il partito più votato in Europa, dopo di noi c'è la Merkel" e dunque "ci dovrebbe essere entusiasmo e gioia e invece non è così, anzi torna la tribù dei musi lunghi", si lamenta il segretario che pru confermando il suo rispetto per chi lascia il partito ritiene che "chi immagina di vincere la sfida spostando la sinistra più in là perde ovunque in tutto il mondo".

Dopo l'elenco delle cose fatte c'è poi un programma di cose da fare nei prossimi mesi: "riforma della pubblica amministrazione subito, riforma costituzionale a settembre, prima della legge di stabilità e legge sulle unioni civili entro l'anno". "Sette mesi fa rischiavamo la palude - ha concluso - oggi abbiamo iniziato il più grande cammino riformatore della storia europea ma non ci basta, la sfida più bella è quella di domani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari