venerdì 24 febbraio | 19:25
pubblicato il 02/ott/2014 21:59

Renzi alla City: "Italy is back, venite a investire da noi"

E promette "regole chiare, tasse più basse, burocrazia efficiente"

Renzi alla City: "Italy is back, venite a investire da noi"

Londra, 2 ott. (askanews) - "Italy is back. L'Italia è tornata". E dunque "investire in Italia non solo è possibile, ma è un'opportunità". E' il "messaggio chiaro" che Matteo Renzi manda agli investitori della City, nel suo intervento alla Guildhall. A loro il presidente del Consiglio promette "non solo cibo, vino, paesaggi, arte e cultura. Ma anche un Paese dove le regole sono chiare, dove la burocrazia è efficiente, dove le tasse sono giuste e più basse di adesso, anche perchè più alte è impossibile". E quindi "venite in Italia anche per affari, per investire".

Renzi parla di un Paese "aperto agli investimenti stranieri", e cita il caso di Alitalia: "Se oggi Alitalia non è più italiana e se molte aziende sono nelle mani di investitori stranieri, questo è un segnale positivo. L'Italia è aperta agli investimenti stranieri".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech