mercoledì 07 dicembre | 19:15
pubblicato il 30/set/2015 09:52

Renzi all'Onu: l'Italia pronta ad assumere ruolo guida in Libia

"La questione rifugiati non è questione di numeri ma di paura"

Renzi all'Onu: l'Italia pronta ad assumere ruolo guida in Libia

New York (askanews) - "Se il nuovo governo libico ce lo chiederà, l'Italia è pronta a prendere un ruolo guida in un meccanismo di stabilità del Paese con il sostegno della comunità internazionale".

Un ruolo di coordinamento italiano per affrontare la crisi libica. È uno di passaggi chiave del discorso del premier, Matteo Renzi davanti all'assemblea generale delle Nazioni Unite.

"I fratelli libici - ha aggiunto - devono sapere che non sono soli, che l'Assemblea generale delle Nazioni unite non si è dimenticata di loro e l'Italia è printa a collaborare con un governo d'unità nazionale e a riprendere la cooperazione in settori chiave per ridare alla Libia un futuro".

L'intervento di Renzi è durato circa 20 minuti nel corso dei quali il presidente del Consiglio italiano ha affrontato diversi argomenti: dal terrorismo dell'Isis, ai diritti umani, alla grave crisi migratoria che si trova ad affrontare l'Europa, ammonendo la comunità internazionale a non 'costruire nuovi muri'.

La questione dei rifugiati - ha spiegato - non è una questione di numeri, il problema è la paura che attraversa le nostre società e che dobbiamo prendere sul serio se vogliamo che sia sconfitta".

Sfide - ha detto Renzi - per risolvere le quali occorre uno sforzo maggiore da parte di tutti con l'Italia pronta a fare la sua parte.

"Per questo motivo - ha detto Renzi - abbiamo scelto la nostra candidatura al consiglio di sicurezza per un seggio non permanente con il motto 'costruire la pace di domani', perché è compito di ciascuno di noi oggi, qui, fare uno sforzo per costruire un'alternativa alla cultura della violenza e del nichilismo".

In conclusione Renzi ha toccato anche il tema della moratoria sulla pena di morte, citando proprio la risoluzione dell'Onu nonché le recenti parole di Papa Francesco sull'argomento.

"Impegno - ha concluso - sul quale non ci stancheremo di lavorare, riprendendo anche le parole che il Santo Padre ha avuto qui, e penso anche alle risoluzioni contro i matrimoni precoci e forzati e contro le mutilazioni genitali femminili, segnali espliciti dell'impegno di questa comunità ".

Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni