domenica 04 dicembre | 11:34
pubblicato il 13/mar/2015 12:59

Renzi al sito Expo: sfida del 2015 per Italia, ce la facciamo

"Non è una fiera ma una grande occasione culturale"

Renzi al sito Expo: sfida del 2015 per Italia, ce la facciamo

Milano (askanews) - "L'Expo 2015 e il suo cantiere sono una realtà, non più una slide. Ce l'abbiamo fatta e ce la faremo. In gioco c'è qualcosa anche di più dell'Esposizione universale che già è una cosa grandissima. C'è la faccia dell'Italia: una sfida meravigliosa che abbiamo vinto e vinceremo. Abbiamo messo in gioco la storia dell'Italia". Lo ha affermato, fra l'altro, il premier Matteo Renzi tornando a visitare i cantieri dell'Expo 2015. "Expo non è semplicemente una fiera, è una gigantesca occasione di bellezza, è una strepitosa occasione culturale, sarà l'Expo al mondo con il maggior numero delegazioni straniere, la più alta concentrazione di ideale per dire che l'Italia non è solo terra del passato ma del futuro. Se Expo diventa questo, la partita non riguarda solo Milano o la Lombardia, ma riguarda l'Italia, è la sfida del 2015 del nostro paese, e la vinceremo" ha aggiunto Renzi.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari