domenica 04 dicembre | 03:32
pubblicato il 25/ott/2014 10:30

Renzi a popolo Leopolda: "Sta a noi rimettere in moto Italia"

In 3 mila a prima giornata kermesse, oggi 100 tavoli confronto

Renzi a popolo Leopolda: "Sta a noi rimettere in moto Italia"

Firenze, 25 ott. (askanews) - "Azzeriamo il file di quello che abbiamo fatto fin qui e domenica usciamo con tante proposte" perchè chi sta fuori dalla Leopolda si aspetta che da qua nascano le idee e le energie perchè l'Italia "si rimetta in moto". Questa la linea data da Matteo Renzi, che ieri sera ha aperto la quinta edizione della Leopolda, la prima "di governo".

Dal palco ispirato a un garage - con grandi manifesti "anti-gufi" alle pareti - Renzi, utilizzando molti video, ha ripercorso nel suo interventole edizioni precedenti, dagli inizi con Pippo Civati, visti con "sospetto", a quando, nel 2011, ha capito che "l'Italia era scalabile". Ora che è stata scalata, però, non è il momento di sedersi perchè, come dice lo slogan della kermesse, "il futuro è solo l'inizio". E' il momento, per Renzi, di smentire "i tanti che credono che l'Italia sia irriformabile".

Per questo il presidente del Consiglio, davanti a circa 3 mila persone, ha tracciato un netto confine tra la piazza della Cgil dove "si protesta contro il governo, contro di me", e la Leopolda "dove si propone" e dove "non c'è gente strana, è la nostra gente". "Piaccia o non piaccia ai gufi a noi è dato il compito di restituire all'Italia la possibilità di un futuro - ha concluso Renzi -. Quando domenica chiudiamo, chiudiamo con un elenco di cosa da fare, perchè chi non sa cosa sia la Leopolda, quelli che stanno fuori da qui, da noi si aspettano che l'Italia si rimetta in moto e se noi saremo bravi alla fine di questa tre giorni dal garage finalmente la macchina si metterà in moto".

Le idee e le proposte chieste da Renzi dovranno arrivare dal confronto che si apre questa mattina su 50 tavoli, coordinati da politici o "esperti" come la titolare delle Riforme Maria Elena Boschi, il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi, il finanziere Davide Serra, fondatore di Algebris. Nel pomeriggio spazio a qualche intervento dal palco e poi ad altri 50 tavoli tematici. Prevista la presenza di molti esponenti del governo, tra cui Andrea Orlando, Roberta Pinotti, Dario Franceschini, Marianna Madia, Giuliano Poletti, Maria Carmela Lanzetta, Graziano Delrio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari