venerdì 20 gennaio | 01:36
pubblicato il 25/ott/2014 10:30

Renzi a popolo Leopolda: "Sta a noi rimettere in moto Italia"

In 3 mila a prima giornata kermesse, oggi 100 tavoli confronto

Renzi a popolo Leopolda: "Sta a noi rimettere in moto Italia"

Firenze, 25 ott. (askanews) - "Azzeriamo il file di quello che abbiamo fatto fin qui e domenica usciamo con tante proposte" perchè chi sta fuori dalla Leopolda si aspetta che da qua nascano le idee e le energie perchè l'Italia "si rimetta in moto". Questa la linea data da Matteo Renzi, che ieri sera ha aperto la quinta edizione della Leopolda, la prima "di governo".

Dal palco ispirato a un garage - con grandi manifesti "anti-gufi" alle pareti - Renzi, utilizzando molti video, ha ripercorso nel suo interventole edizioni precedenti, dagli inizi con Pippo Civati, visti con "sospetto", a quando, nel 2011, ha capito che "l'Italia era scalabile". Ora che è stata scalata, però, non è il momento di sedersi perchè, come dice lo slogan della kermesse, "il futuro è solo l'inizio". E' il momento, per Renzi, di smentire "i tanti che credono che l'Italia sia irriformabile".

Per questo il presidente del Consiglio, davanti a circa 3 mila persone, ha tracciato un netto confine tra la piazza della Cgil dove "si protesta contro il governo, contro di me", e la Leopolda "dove si propone" e dove "non c'è gente strana, è la nostra gente". "Piaccia o non piaccia ai gufi a noi è dato il compito di restituire all'Italia la possibilità di un futuro - ha concluso Renzi -. Quando domenica chiudiamo, chiudiamo con un elenco di cosa da fare, perchè chi non sa cosa sia la Leopolda, quelli che stanno fuori da qui, da noi si aspettano che l'Italia si rimetta in moto e se noi saremo bravi alla fine di questa tre giorni dal garage finalmente la macchina si metterà in moto".

Le idee e le proposte chieste da Renzi dovranno arrivare dal confronto che si apre questa mattina su 50 tavoli, coordinati da politici o "esperti" come la titolare delle Riforme Maria Elena Boschi, il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi, il finanziere Davide Serra, fondatore di Algebris. Nel pomeriggio spazio a qualche intervento dal palco e poi ad altri 50 tavoli tematici. Prevista la presenza di molti esponenti del governo, tra cui Andrea Orlando, Roberta Pinotti, Dario Franceschini, Marianna Madia, Giuliano Poletti, Maria Carmela Lanzetta, Graziano Delrio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale