lunedì 20 febbraio | 15:04
pubblicato il 01/lug/2014 12:00

Renzi a M5S: vostra legge elettorale ha 4 limiti, ma discutiamo

Pd insiste su certezza vincitore e governabilità

Renzi a M5S: vostra legge elettorale ha 4 limiti, ma discutiamo

Roma, 1 lug. (askanews) - L'ultima proposta di legge elettorale del M5S presenta "quattro limiti invalicabili" ma se i Cinque Stelle hanno "corretti" per questi quattro punti o al contrario hanno argomentazioni per difenderli, "siamo pronti a confrontarci insieme". Così Matteo Renzi, insieme ai vicesegretari del Pd Deborah Serracchiani e Lorenzo Guerini, risponde alla lettera del M5S. Agiudizio del Pd, nella proposta a prima firma Toninelli "non c'è la certezza di avere un vincitore. Con il vostro sistema non c'è governabilità". Inoltre "le alleanze si fanno dopo le elezioni, non prima. Con il vostro sistema si istituzionalizza l'inciucio 'ex post'". Ancora: "Il sistema della preferenza negativa attraverso l'eliminazione di un nome è molto complicato. Con il vostro sistema si rende più difficile il voto". Infine, "ci sono collegi in cui sulla scheda i nomi scritti sarebbero oltre 40. Con il vostro sistema in alcuni collegi la scheda elettorale diventa un lenzuolo". Al contrario, Renzi ribadisce la posizione del Pd: "Per noi un vincitore ci vuole sempre. L'unico modello che assicura questo oggi in Italia è la legge elettorale che assegna un premio di maggioranza al primo turno o al secondo turno. Il Movimento 5 Stelle, per esempio, ha vinto a Parma, Livorno e Civitavecchia nonostante che al primo turno abbia preso meno del 20% dei voti. Però poi al ballottaggio ha ottenuto la metà più uno dei votanti. Vi chiediamo: siete disponibili a prevedere un ballottaggio, così da avere sempre la certezza di un vincitore? Noi sì". Ancora: "Siete disponibili a assicurare un premio di maggioranza per chi vince, al primo o al secondo turno, non superiore al 15%, per assicurare a chi ha vinto di avere un minimo margine di governabilità? Noi sì". E poi: "Siete disponibili a ridurre l'estensione dei collegi? Noi sì". infine: "Siete disponibile a far verificare preventivamente la legge elettorale alla Corte Costituzionale, così da evitare lo stucchevole dibattito 'è incostituzionale, è costituzionale'? Noi sì".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia