venerdì 20 gennaio | 09:24
pubblicato il 01/lug/2014 12:00

Renzi a M5S: vostra legge elettorale ha 4 limiti, ma discutiamo

Pd insiste su certezza vincitore e governabilità

Renzi a M5S: vostra legge elettorale ha 4 limiti, ma discutiamo

Roma, 1 lug. (askanews) - L'ultima proposta di legge elettorale del M5S presenta "quattro limiti invalicabili" ma se i Cinque Stelle hanno "corretti" per questi quattro punti o al contrario hanno argomentazioni per difenderli, "siamo pronti a confrontarci insieme". Così Matteo Renzi, insieme ai vicesegretari del Pd Deborah Serracchiani e Lorenzo Guerini, risponde alla lettera del M5S. Agiudizio del Pd, nella proposta a prima firma Toninelli "non c'è la certezza di avere un vincitore. Con il vostro sistema non c'è governabilità". Inoltre "le alleanze si fanno dopo le elezioni, non prima. Con il vostro sistema si istituzionalizza l'inciucio 'ex post'". Ancora: "Il sistema della preferenza negativa attraverso l'eliminazione di un nome è molto complicato. Con il vostro sistema si rende più difficile il voto". Infine, "ci sono collegi in cui sulla scheda i nomi scritti sarebbero oltre 40. Con il vostro sistema in alcuni collegi la scheda elettorale diventa un lenzuolo". Al contrario, Renzi ribadisce la posizione del Pd: "Per noi un vincitore ci vuole sempre. L'unico modello che assicura questo oggi in Italia è la legge elettorale che assegna un premio di maggioranza al primo turno o al secondo turno. Il Movimento 5 Stelle, per esempio, ha vinto a Parma, Livorno e Civitavecchia nonostante che al primo turno abbia preso meno del 20% dei voti. Però poi al ballottaggio ha ottenuto la metà più uno dei votanti. Vi chiediamo: siete disponibili a prevedere un ballottaggio, così da avere sempre la certezza di un vincitore? Noi sì". Ancora: "Siete disponibili a assicurare un premio di maggioranza per chi vince, al primo o al secondo turno, non superiore al 15%, per assicurare a chi ha vinto di avere un minimo margine di governabilità? Noi sì". E poi: "Siete disponibili a ridurre l'estensione dei collegi? Noi sì". infine: "Siete disponibile a far verificare preventivamente la legge elettorale alla Corte Costituzionale, così da evitare lo stucchevole dibattito 'è incostituzionale, è costituzionale'? Noi sì".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Terremoti
Terremoto, Salvini in Abruzzo: chiedo a Gentiloni 100mln di euro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale