venerdì 24 febbraio | 22:56
pubblicato il 31/lug/2013 12:00

Religioni/ Leader religiosi a Roma a fine settembre con S. Egidio

L'incontro nello spirito di Assisi, il primo dell'era Bergoglio

Religioni/ Leader religiosi a Roma a fine settembre con S. Egidio

Roma, 31 lug. (askanews) - Giunto alla XXVII edizione il Meeting internazionale Uomini e Religioni promosso dalla Comunità di Sant'Egidio torna a Roma e si confronta su 'Il coraggio della speranza: religioni e culture in dialogo'. Dal 29 settembre al primo ottobre oltre 400 rappresentanti delle grandi religioni ed esponenti della vita politica e culturale europea e mondiale provenienti da 60 paesi parteciperanno ad incontri e dibattiti pubblici facendo della città eterna la capitale della pace e della convivenza, un simbolo e un impegno per il mondo intero, che è alla ricerca di una "cultura condivisa" che, come scrive Andrea Riccardi, esprime "la coscienza di voler convivere in modo responsabile e di avere interessi comuni al di là delle differenze", partendo dagli uomini e dalle donne del nostro tempo. Come ogni anno, l'Incontro internazionale per la Pace rinnova lo "spirito di Assisi", fatto di dialogo interreligioso e culturale, che prende le mosse dalla storica giornata di preghiera del 1986 voluta dal Beato Giovanni Paolo II nella città di San Francesco. Il tema di quest'anno - sottolinea una nota di sant'Egidio - si inserisce nella nuova stagione apertasi con l'elezione di Papa Francesco, che fin dall'inizio del suo ministero quale Vescovo di Roma ha invitato l'umanità intera ad "aprire l'orizzonte della speranza", e recentemente ha chiesto ai giovani della GMG di Rio di "lasciarsi sorprendere dalla speranza". In questa chiave, il "coraggio della speranza" indica al mondo globalizzato la via del dialogo costruttivo per uscire dalla crisi antropologica e politica del nostro tempo, uno strumento per superare ogni scetticismo e immobilismo e per avviare un futuro di convivenza pacifica. Il Meeting si articolerà in una Assemblea d'inaugurazione nel pomeriggio di domenica 29 settembre all'auditorium "Conciliazione" vicino al Vaticano; diversi panel si svolgeranno nelle tre sessioni di lavoro di lunedì 30 settembre e nella mattinata di martedì primo ottobre; mentre la Cerimonia finale del meeting, dopo gli incontri di preghiera delle diverse religioni presenti, avrà luogo la sera di martedì primo ottobre in piazza del Campidoglio, da dove verrà proclamato l'Appello di Pace di Roma 2013. Fra i temi trattati nei panel vanno segnalati, nel cinquantenario della "Pacem in Terris", la crisi in Medio Oriente, la riconciliazione in Africa, il ruolo delle religioni in Asia, il futuro dell'America latina, immigrazione, accoglienza, integrazione, l'informazione al servizio della pace; e poi il dialogo tra laici e credenti, il valore della vita nella debolezza e nella sofferenza, la longevità come benedizione, il martirio oggi, la violenza sulle donne. Il primo ottobre, peraltro, Papa Francesco inizia la tre-giorni di incontri con gli otto cardinali che ha nominato per riformare la Curia romana.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech