giovedì 23 febbraio | 05:58
pubblicato il 13/lug/2013 16:44

Regioni: Zaia, sono con Errani contro i tagli lineari alla sanita'

(ASCA) - Cenezia, 13 lug - ''Ha ragione il presidente Errani quando afferma che non si puo' continuare a tagliare tout court la spesa sanitaria. E' lecito, anzi doveroso, parlare di risparmi per quelle aree del nostro Paese dove si registrano da sempre sprechi conclamati, dove i denari pubblici vengono scialacquati a danno non solo delle popolazioni locali mal amministrate, ma anche di quelle regioni, come il Veneto e l'Emilia Romagna, che con grande impegno, capacita' di gestione e programmazione, riescono nonostante le difficolta' a garantire un'offerta sanitaria di eccellenza''. Lo dice il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, condividendo la posizione espressa stamane dal presidente dell'Emilia Romagna e della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani.

''Da tempo sostengo con forza che i tagli lineari non sono piu' ammissibili - prosegue Zaia - perche' sanciscono quel metodo aberrante in base al quale chi amministra male ci guadagna e chi opera con senso di responsabilita' viene castigato. Quanto dobbiamo ancora aspettare perche' governo e parlamento italiani si decidano a varare quello strumento di giustizia che sono i costi e i fabbisogni standard? E' dalla modifica del Titolo V della Costituzione e dall'approvazione delle norme sulla devolution che questa riforma semplice ma di straordinaria efficacia avrebbe potuto vedere la luce, e invece siamo ancora qui a invocarla''.

''Gli esempi che propongo insistentemente - sottolinea il presidente - della siringa che nel Veneto si paga 6 centesimi e in altre regioni 25, o dei pasti in ospedale che da noi vengono pagati dai 6 agli 8 euro e altrove addirittura 60 euro, ad oggi non hanno trovato smentite. Ma a essere penalizzate sono ancora quelle amministrazioni che si comportano correttamente e dove la sanita' funziona, come nel caso del Veneto e dell'Emilia Romagna''.

''Lo dico - conclude Zaia - e lo ripeto ancora con piu' determinazione: se si applicassero in tutte le Regioni i costi standard della pubblica amministrazione del Veneto, l'Italia potrebbe contare immediatamente su 30 miliardi di euro che corrispondono a un terzo del costo annuale del debito pubblico''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech