giovedì 23 febbraio | 22:21
pubblicato il 22/giu/2016 15:30

Regioni, negli anni della crisi un sostegno a cittadini e imprese

E' quanto emerge da un rapporto dell'Issirfa-Cnr

Regioni, negli anni della crisi un sostegno a cittadini e imprese

Roma, (askanews) - Un'analisi accurata delle politiche regionali attuate nel 2013 e 2014, anni segnati da una profonda crisi economica, e dei loro effetti nel contrastare la recessione. E' il rapporto sulle Regioni in Italia 2015 realizzato dall'Istituto di Studi sui Sistemi Regionali Federali e sulle Autonomie del Cnr, illustrato alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso.

Dallo studio emerge che le Regioni hanno rappresentato l'unica istituzione a continuare a produrre politiche di investimento e sostegno a favore di cittadini e imprese, come ha spiegato Stelio Mangiameli, direttore dell'Issirfa: "Questo è in sintesi il segnale che emerge dal rapporto, di un istituto regionale vitale, con grandi problemi ovviamente, ma dovuti soprattutto alla differenza tra le regioni del Centro Nord e le regioni del Sud, ma comunque regioni attive, vitali e in grado di produrre servizi e beni per la collettività e per i cittadini".

Ma il rapporto assume un significato peculiare alla luce dell'imminente riforma costituzionale sottoposta a referendum, che inevitabilmente porrà tutta una serie di nuovi problemi.

"La soluzione rispetto a tutti questi problemi, e all'attuazione della riforma stessa - ha proseuito Mangiameli -, risiede in uno sforzo di collaborazione delle diverse componenti: il Parlamento, il Governo e le Regioni stesse. Soprattutto se bisogna implementare questa Camera di rappresentanza delle istitutioni territoriali, cioè il nuovo Senato della Repubblica e se bisogna mettere a punto un sistema equilibrato di finanziamento delle politiche pubbliche nazionali e regionali".

Massimo Inguscio, presidente del Cnr, ha così commentato la ricerca: "E' una dimostrazione di come il Cnr, così ricco di competenze trasversali che vanno dalle scienze giuridiche all'informatica, alla fisica, alla chimica e all'ingegneria può mettere a disposizione della nazione queste competenze, ma soprattutto può creare sinergie con questi protocolli d'intesa, con organi istituzionali, in questo caso col Senato, per aiutare il legislatore a operare delle scelte più consapevoli".

Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech