martedì 06 dicembre | 06:58
pubblicato il 27/nov/2013 13:43

Regioni: Istat, crollo Pil nazionale (-2,5). In Sicilia piu' marcato

(ASCA) - Roma, 27 nov - Nel 2012 il Pil nazionale ha segnato una flessione del 2,5% rispetto all'anno precedente. Il calo e' risultato particolarmente accentuato nel Mezzogiorno (-2,9%), e piu' contenuto nel Nord-ovest (-2,3%), con Nord-est e Centro in posizione intermedia (-2,5%). Sicilia e Basilicata fanno registrare le riduzioni piu' marcate (rispettivamente -3,2% e -3,1%) mentre la Provincia autonoma di Bolzano e' l'unica area del Paese dove si e' verificato un aumento dell'occupazione (+1,2%). Lo rivela il report dell'Istat sui conti economici regionali tra il 2010 e il 2012.

Nel Nord-ovest, la Valle d'Aosta subisce la contrazione maggiore (-3,5%) e la Lombardia quella meno accentuata (-2,1%). Nel Nord-est il calo maggiore riguarda Trento (-2,8%) mentre Bolzano registra la riduzione del Pil piu' contenuta (-0,7%). Al Centro il Pil subisce una forte flessione in Umbria e Marche (-3,1% in entrambi i casi), mentre in Toscana si registra la riduzione minore (-1,9%).

Nel Mezzogiorno la caduta del Pil e' particolarmente accentuata in Sicilia (-3,8%) e Basilicata (-3,6%) piu' tenue in Campania (-2%).

Nel Nord-est la caduta dell'attivita' economica e' da attribuirsi soprattutto alle rilevanti diminuzioni del valore aggiunto nel settore primario (-7,3%) e nell'industria (-3,7%). Il Nord-ovest segna, invece, una performance migliore di quella nazionale in tutti i settori eccetto quello dei servizi dove si registra una diminuzione dell'1,9%. Nel Centro la contrazione risulta particolarmente marcata per industria (-5,3%) e costruzioni (-9,2%). Infine la peggiore performance del Mezzogiorno trae origine da cadute piu' forti di quelle registrate a livello nazionale nei settori delle costruzioni (-9,4%) e dei servizi (-2,2%).

Alla contrazione dell'attivita' produttiva si e' accompagnata, nel 2012, una dinamica molto negativa dei consumi finali in volume delle famiglie, diminuiti a livello nazionale del 4%. La spesa per consumi si e' contratta in misura maggiore nelle regioni del Mezzogiorno (-4,7%) ma ha subi'to cadute marcate anche nelle altre ripartizioni, comprese tra il -3,7% del Nord-est e il -3,9% del Centro. La Campania e' risultata la regione piu' in difficolta' (-5,5%), mentre le famiglie di Trento e Bolzano sono quelle che hanno ridotto meno i loro livelli di spesa (rispettivamente -2,4% e -2,5%).

Nel 2012 anche sul fronte dell'occupazione si sono manifestati risultati negativi in tutte le regioni: a fronte di un calo delle unita' di lavoro dell'1,1% a livello nazionale, la flessione maggiore ha riguardato anche in questo caso il Mezzogiorno (-1,4%) e quella piu' contenuta il Nord-est (-0,8%). red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari