lunedì 20 febbraio | 16:53
pubblicato il 27/nov/2013 13:43

Regioni: Istat, crollo Pil nazionale (-2,5). In Sicilia piu' marcato

(ASCA) - Roma, 27 nov - Nel 2012 il Pil nazionale ha segnato una flessione del 2,5% rispetto all'anno precedente. Il calo e' risultato particolarmente accentuato nel Mezzogiorno (-2,9%), e piu' contenuto nel Nord-ovest (-2,3%), con Nord-est e Centro in posizione intermedia (-2,5%). Sicilia e Basilicata fanno registrare le riduzioni piu' marcate (rispettivamente -3,2% e -3,1%) mentre la Provincia autonoma di Bolzano e' l'unica area del Paese dove si e' verificato un aumento dell'occupazione (+1,2%). Lo rivela il report dell'Istat sui conti economici regionali tra il 2010 e il 2012.

Nel Nord-ovest, la Valle d'Aosta subisce la contrazione maggiore (-3,5%) e la Lombardia quella meno accentuata (-2,1%). Nel Nord-est il calo maggiore riguarda Trento (-2,8%) mentre Bolzano registra la riduzione del Pil piu' contenuta (-0,7%). Al Centro il Pil subisce una forte flessione in Umbria e Marche (-3,1% in entrambi i casi), mentre in Toscana si registra la riduzione minore (-1,9%).

Nel Mezzogiorno la caduta del Pil e' particolarmente accentuata in Sicilia (-3,8%) e Basilicata (-3,6%) piu' tenue in Campania (-2%).

Nel Nord-est la caduta dell'attivita' economica e' da attribuirsi soprattutto alle rilevanti diminuzioni del valore aggiunto nel settore primario (-7,3%) e nell'industria (-3,7%). Il Nord-ovest segna, invece, una performance migliore di quella nazionale in tutti i settori eccetto quello dei servizi dove si registra una diminuzione dell'1,9%. Nel Centro la contrazione risulta particolarmente marcata per industria (-5,3%) e costruzioni (-9,2%). Infine la peggiore performance del Mezzogiorno trae origine da cadute piu' forti di quelle registrate a livello nazionale nei settori delle costruzioni (-9,4%) e dei servizi (-2,2%).

Alla contrazione dell'attivita' produttiva si e' accompagnata, nel 2012, una dinamica molto negativa dei consumi finali in volume delle famiglie, diminuiti a livello nazionale del 4%. La spesa per consumi si e' contratta in misura maggiore nelle regioni del Mezzogiorno (-4,7%) ma ha subi'to cadute marcate anche nelle altre ripartizioni, comprese tra il -3,7% del Nord-est e il -3,9% del Centro. La Campania e' risultata la regione piu' in difficolta' (-5,5%), mentre le famiglie di Trento e Bolzano sono quelle che hanno ridotto meno i loro livelli di spesa (rispettivamente -2,4% e -2,5%).

Nel 2012 anche sul fronte dell'occupazione si sono manifestati risultati negativi in tutte le regioni: a fronte di un calo delle unita' di lavoro dell'1,1% a livello nazionale, la flessione maggiore ha riguardato anche in questo caso il Mezzogiorno (-1,4%) e quella piu' contenuta il Nord-est (-0,8%). red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia