lunedì 05 dicembre | 15:32
pubblicato il 14/ott/2013 18:37

Regioni: consigli, al via riflessione su norme patto stabilita'

(ASCA) - Roma, 14 ott - La conferenza dei presidenti delle assemblee regionali ha istituito un tavolo tecnico in merito ad un ordine del giorno proposto dal presidente Vincenzo Niro del consiglio regionale del Molise, in materia di fondi destinati alle regioni per la ricostruzione di strutture ed infrastrutture pubbliche e private danneggiate a seguito di eventi calamitosi.

''Abbiamo iniziato oggi un iter che anzitutto vuole far si che la problematica sia condivisa tra tutti i Presidenti delle Assemblee delle Regioni, non soltanto di quelle coinvolte nella questione'', ha detto Niro. Del tavolo tecnico fanno parte le Regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche e Piemonte.

''Intendiamo redigere un documento da presentare - ha concluso Niro - anzitutto ai Presidenti delle Giunte regionali e alla Conferenza Stato Regioni, per poi sottoporre la questione al Parlamento e al Governo per trovare una adeguata soluzione al problema''.

red/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari