martedì 06 dicembre | 04:47
pubblicato il 15/ott/2013 15:11

Regioni: assessori Welfare da Giovannini, rifinanziare fondo sociale

(ASCA) - Genova, 15 ott - Ricostituire un finanziamento minimo per il fondo sociale e per quello della non autosufficienza, che nel 2012 sono stati completamente azzerati dal governo, per consentire a regioni e vomuni di far fronte alle richieste provenienti dal territorio, sopratutto per contrastare le situazioni di poverta'. E' quanto chiederanno la coordinatrice degli assessori al welfare delle regioni, la ligure Lorena Rambaudi, insieme ai suoi colleghi, giovedi' 17 ottobre nel corso dell'incontro previsto a Roma con il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Enrico Giovannini e il viceministro, Cecilia Guerra, all'indomani dell'approvazione della legge di stabilita'. La delegazione degli assessori - riferisce una nota - e' pronta sostenere la necessita' di ripartire dal 2009, ultimo anno in cui i due fondi hanno avuto un finanziamento adeguato: 520 milioni per il fondo delle politiche sociali e 400 milioni per il fondo della non autosufficienza. ''E' questo infatti - sostiene l'assessore Rambaudi - il minimo vitale al di sotto del quale non si puo' andare per riuscire a mettere in campo politiche sociali di contrasto alle varie poverta'''. Dal 2009 e' stato tutto un susseguirsi di tagli e riduzioni fino ad arrivare all'annus horribilis del 2012, quando i due fondi sono stati completamente azzerati dal governo. ''Nonostante la decurtazione statale - continua Rambaudi - l'impegno delle regioni non e' mai mancato, anzi dal 2009 al 2012 e' aumentato, sia in termini percentuali che assoluti''.

Gli assessori al welfare delle regioni sono pronti a dare battaglia anche sul versante della salute, affinche' si possa assistere ad un rientro delle riduzioni operate sui Lea, i livelli essenziali di assistenza, attraverso il nuovo Patto della salute, che hanno determinato un incremento delle richieste a favore dei piu' deboli, da parte delle amministrazioni locali. ''Il sistema dei servizi sociali - conclude Rambaudi - rappresenta anche un potente strumento di incremento dell'occupazione sul territorio, visto che nelle politiche sociali operano piu' di 900mila unita', di cui circa 500.000 inserite nelle istituzioni no-profit e nella cooperazione. A questi vanno aggiunti anche coloro che si occupano del lavoro di cura familiare, badanti e assistenti all'infanzia, stimati in oltre 1.200.000 persone. Per cui ridurre il budget delle politiche sociali e non rifinanziarlo correttamente significa anche ridurre ulteriormente l'occupazione''.

com-stt/red/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari