domenica 11 dicembre | 06:08
pubblicato il 06/ago/2016 09:24

Referendum, Speranza (Pd): senza modifiche a Italicum voteremo no

"Dopo Renzi non ci sarà il diluvio. Lavoro per alternativa"

Referendum, Speranza (Pd): senza modifiche a Italicum voteremo no

Roma, 6 ago. (askanews) - "Se stasera entrassi in una macchina del tempo, e ne uscissi nel giorno in cui si vota il referendum, e se tutto fosse ancora come oggi, non sarei in condizione di votare sì. E lo sa perché? Considero l'Italicum e la riforma costituzionale inscindibili, un'unica grande revisione dell'architettura istituzionale. Per questo, senza una vera svolta sulla legge elettorale, il giudizio complessivo finirebbe per essere negativo. E quindi non potrei votare sì". Lo afferma Roberto Speranza, leader della minoranza Pd, in una intervista a "La Repubblica". Oggi il quotidiano anticipa il via libera della Cassazione al referendum, decisione che dovrebbe essere ufficializzata lunedì prossimo.

"Il problema, le ripeto - aggiunge Speranza - è l'equilibrio complessivo del sistema. Per questo la legge elettorale va modificata. Il nostro Mattarellum 2.0 evita un Parlamento di nominati e limita il premio di maggioranza. Purtroppo, al di là di qualche mossa tattica sui tempi, non c'è stata alcuna vera risposta". Speranza chiede quindi una "iniziativa politica e parlamentare", spiegando che ci sono i tempi prima del referendum: "Il problema è che non bastano ammiccamenti o segnali di fumo: è l'ora delle risposte politiche. Ricordo pure che manca una legge elettorale per il Senato che recepisca l'impegno assunto con noi da Renzi".

E se al referendum vincerà il "no", per il deputato Dem non ci sarà un "burrone". Renzi, spiega, "in una prima fase ha personalizzato molto il referendum, mentre adesso fa bene ad essere più prudente. La scelta d'autunno non sarà sul governo o sul partito, ma sulla Costituzione, e infatti ci dovrà essere libertà di coscienza. In ogni caso, immaginare che dopo Renzi ci sia il burrone è sbagliato. Dopo di lui non c'è il diluvio". Del resto, rileva, "in un grande partito come il nostro, in un Paese democratico, ci sono tante personalità: il premier è la più importante, ma un partito e un Paese va avanti a prescindere dalle questioni personali. Io lavoro nel Pd per costruire un'alternativa a Renzi. Anche perché non siamo un partito personale e il nostro destino non è legato a un solo individuo".

Speranza, infine, torna a chiedere un cambiamento dopo il risultato non positivo delle amministrative: "Abbiamo tentato - dice - di nascondere la sconfitta. Nessuno che si è assunto le proprie responsabilità, nessuno che si è dimesso" per una sconfitta causata dalla "rottura tra il Pd e il Paese reale. Colpa di una narrazione di un Paese uscito dalla crisi, mentre i cittadini si sentono pienamente dentro questa crisi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina