lunedì 23 gennaio | 06:11
pubblicato il 01/giu/2011 18:30

Referendum/ Schede rossa e gialla su gestione e tariffe acqua

Il sì esclude possibilità intervento privati, il no lo ammette

Referendum/ Schede rossa e gialla su gestione e tariffe acqua

Roma, 1 giu. (askanews) - Al referendum del 12 e 13 giugno gli italiani sono chiamati ad esprimersi anche su due quesiti che si occupano della possibilità di privatizzare la gestione dell'acqua: uno in particolare riguarda le modalità di affidamento e la gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, l'altro la determinazione delle tariffe del servizio idrico. Per rispondere al primo quesito agli elettori sarà consegnata una scheda di colore rosso, per rispondere al secondo una scheda di colore giallo. Si tratta di norme contenute nella cosiddetta "legge Ronchi", dal nome dell'ex ministro delle Politiche Ue Andrea Ronchi, passato poi con Fli. Si tratta infatti di norme inserite nella "legge comunitaria" che ogni anno adegua il nostro ordinamento alle normative comunitarie. Anche in questa materia, con decreto inserito nel pacchetto di norme per il rilancio dell'economia, il governo è intervenuto con norme che, pur non in grado di impedire l'annullamento dei due referendum, ne vorrebbe circoscrivere l'utilità, chiarendo che è esclusa la proprietà privata al 100% delle reti idriche. Il testo assai ostico del primo quesito recita: "Volete voi che sia abrogato l'art. 23 bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto legge 25 giugno 2008 n.112 "Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria" convertito, con modificazioni, in legge 6 agosto 2008, n.133, come modificato dall'art.30, comma 26 della legge 23 luglio 2009, n.99 recante "Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia" e dall'art.15 del decreto legge 25 settembre 2009, n.135, recante "Disposizioni urgenti per l'attuazione di obblighi comunitari e per l'esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea" convertito, con modificazioni, in legge 20 novembre 2009, n.166, nel testo risultante a seguito della sentenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?". Il secondo quesito riguarda, in particolare, la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all'adeguata remunerazione del capitale investito. In questo caso agli elettori è proposta una parziale abrogazione della norma. In dettaglio: "Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell'art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 "Norme in materia ambientale", limitatamente alla seguente parte: "dell'adeguatezza della remunerazione del capitale investito"?". Pd, Fli, Api, Sel, Federazione Sinistre, Udc, Verdi. Pdl e governo più che al no, puntano al non raggiungimento del quorum. Di recente, a sorpresa, anche Umberto Bossi ha definito "attraenti" i quesiti referendari, pur essendo la Lega in maggioranza ed avendo approvato le norme di cui si chiede l'abrogazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4