domenica 22 gennaio | 16:01
pubblicato il 13/giu/2011 17:25

Referendum/ Quorum c'è. Opposizioni: Dimissioni.Lega:Basta sberle

Pdl: Il dato non peserà sulla tenuta del governo

Referendum/ Quorum c'è. Opposizioni: Dimissioni.Lega:Basta sberle

Roma, 13 giu. (askanews) - Obiettivo centrato, quorum raggiunto ai referendum su acqua, nucleare e legittimo impedimento. A recarsi alle urne è stato circa il 57% degli aventi diritto, come risulta dal dato diffuso dal Viminale. Le opposizioni chiedono le dimissioni di Berlusconi e del suo governo. Ma il dato, secondo gli esponenti del Pdl, non peserà affatto sulla tenuta dell'esecutivo. Dalla Lega però già arriva un avvertimento: siamo stufi di prendere sberle, dopo le amministrative oggi il referendum, ha dettato in una nota il ministro Roberto Calderoli, mentre il vertice del Carroccio è riunito con Bossi nel quartier generale di via Bellerio a Milano. "Alle Amministrative due settimane fa - ha ricordato Calderoli - abbiamo preso la prima sberla, ora con il referendum è arrivata la seconda sberla e non vorrei che quella di prendere sberle diventasse un'abitudine. Per questo domenica andremo a Pontida per dire quello che Berlusconi dovrà portare in Aula il 22 giugno , visto che vorremmo evitare che, in quanto a sberle, si concretizzi il proverbio per cui non c'è il due senza il tre...". Brindisi ed esultanza, invece, tra i promotori del referendum alla notizia del raggiungimento del quorum. Dal palco di piazza Bocca della Verità a Roma i referendari hanno ribadito che si tratta "di una vittoria di tutti noi, del popolo italiano, non dei partiti". Dalla piazza anche il grido "dimissioni, dimissioni" rivolto al premier Silvio Berlusconi. Il leader dell'Idv Antonio Di Pietro, in prima fila nella promozione della consultazione popolare, ha acclamato come "straordinario" il risultato con un monito: ora nessun partito deve tentare di metterci sopra "il cappello". Da parte del segretario del Pd Pierluigi Bersani la richiesta di dimissioni del governo perchè "la parola passi al Quirinale", si verifichi l'esistenza di "uno spazio minimo per la riforma della legge elettorale" e poi si vada alle urne. Per i tre leader del Terzo polo "il sì ai referendum è un no grande come una casa a questo governo. E' tempo che Berlusconi ne prenda atto", hanno affermato Gianfranco Fini, Pier Ferdinando Casini e Francesco Rutelli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4