sabato 21 gennaio | 01:10
pubblicato il 11/ago/2016 16:46

Referendum, Parisi lancia assemblea costituente. Gelo big Fi

Ex candidato sindaco: non è inciucio con Renzi. Ma azzurri: impraticabile

##Referendum, Parisi lancia assemblea costituente. Gelo big Fi

Roma, 11 ago. (askanews) - L'ipotesi di una "assemblea Costituente" per "battere la propaganda renziana del 'o Sì o caos'". Con una lettera a 'Repubblica' Stefano Parisi, l'ex candidato a sindaco di Milano a cui Silvio Berlusconi ha affidato la 'due diligence' di Fi, torna a sostenere le ragioni del no al referendum costituzionale. Ma prova anche a cambiare l'impostanzione della campagna di buona parte del centrodestra, e di molti azzurri in particolare. Ossia, l'idea che la consultazione, e la bocciatura del ddl Boschi, siano soprattutto un modo per dare la spallata a Renzi. "Chi è per il No e ha uno spirito riformatore - spiega l'ex manager di Fastweb - deve indicare una prospettiva e determinare un campo di ragionevolezza e responsabilità per il dopo referendum".

Parisi cerca di sgombrare il campo da una delle accuse che la vecchia guardia azzurra continua a rivolgergli, quella di 'inciucismo' verso Matteo Renzi. "L'assemblea costituente - spiega - non ha nulla a che vedere con le larghe intese, che sono la causa del nostro gigantesco debito pubblico. Anzi, è l'esatto contrario, proprio per avere Governi con una maggioranza chiara, non rabberciata di giorno in giorno con lo scempio dei transfughi, con migrazioni opache che certo non aiutano l'immagine di una politica ormai logorata nell'opinione pubblica, è necessario separare il luogo delle riforme costituzionali da quello dell'attività legislativa".

Parole che non bastano a rassicurare i big di Forza Italia che accolgono con freddezza il nuovo intervento di Parisi. L'idea dell'assemblea costituente, infatti, non convince. "Non è percorribile", dice Altero Matteoli. E anche Maurizio Gasparri sostiene che sebbene la proposta sia "saggia" non vi sono i tempi per realizzarla. Una maggiore apertura arriva invece dal centro, dal leader di Idea, Gaetano Quagliariello, che ipotizza l'istituzione di una costituente "insieme a nuove elezioni politiche" dopo la vittoria del no. Reazione non positiva anche da Raffaele Fitto dei Conservatori e riformisti, secondo il quale nella posizione di Parisi si celano ancora "zone d'ombra".

Ma è dentro Forza Italia che l'ex candidato sindaco di Milano suscita la maggiore freddezza. Sullo sfondo, resta infatti il timore che il suo compito sia quello di prendersi il potere nel partito con buona pace della vecchia guardia. Sensazione che Daniela Santanché, di fatto, esplicita. "Apprezziamo - dichiara - il fatto che Stefano Parisi abbia chiarito che l'idea dell'assemblea costituente non prefigura inciuci o larghe intese, ma i nodi che avevamo evidenziato negli scorsi giorni sono ancora tutti ben stretti. A iniziare da quello della leadership: non è più tempo per autoproclamazioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4