mercoledì 18 gennaio | 15:12
pubblicato il 03/ott/2011 05:11

Referendum o riforma elettorale? Per Calderoli meglio costituente

Prime delle elezioni serve la riforma federalista

Referendum o riforma elettorale? Per Calderoli meglio costituente

Roma, 3 ott. (askanews) - Dopo le aperture del ministro Roberto Maroni all'idea di celebrare il referendum sulla legge elettorale, tira il freno Roberto Calderoli, coordinatore leghista e ministro. Calderoli non ha mai finto di essere orgoglioso della legge elettorale da lui elaborata: fu lui stesso a definirla una 'porcata', facendola passare alla storia come il 'Porcellum'. Ieri ne ha preso le distanze in modo definitivo, accusando Casini, Fini e Berlusconi di averla voluta. Parlando al Tg1, Calderoli ha provato a dribblare l'alternativa secca tra riforma elettorale, benedetta dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e referendum, al quale ha aperto a sorpresa il suo collega di partito Maroni. Calderoli invece guarda a una "legislatura costituente" per portare a termine la riforma federalista. Il dibattito è aperto, tanto più che dietro l'angolo c'è la minaccia delle elezioni anticipate che annullerebbero il referendum. Sulla consultazione giungono aperture inattese, come quella del centrista Pier Ferdinando Casini e di Carlo Vizzini (Pdl), presidente della commissione Affari costituzionali del Senato che ha all'ordine del giorno proprio il dibattito sulle diverse proposte di riforma elettorale. Intanto a destra c'è chi pensa a una riforma 'limitata' alla reintroduzione delle preferenze. Nel Pdl intanto si prova a fare diga contro l'ondata delle firme per il referendum e Maurizio Gasparri difende i cardini della norma attuale: "La legge elettorale, quale che sia, deve consentire in primo luogo all'elettore di scegliere il premier, la coalizione, il programma", dice. Fabrizio Cicchitto propone di "portare avanti la complessiva riforma costituzionale impostata dal ministro Calderoli" prima di qualunque cambiamento nella legge. Tra chi nella maggioranza apre a parziali modifiche al 'Porcellum', l'opzione che emerge è il ritorno alle preferenze: "Sono d'accordo con il ministro La Russa - dice il ministro Saverio Romano (Pid-Responsabili) - è opportuno lasciare la legge elettorale attuale introducendo le preferenze. Cosi si può recuperare il rapporto elettore eletto". Tema centrale anche per Gianni Alemanno, che però allarga il campo delle modifiche possibili: "Dopo il clamoroso successo della raccolta di firme referendarie e dopo le prese di posizione dei ministri della Lega Nord, il Popolo della Libertà non può più stare fermo e deve mettere subito sul piatto un proposta di riforma elettorale. Attraverso i collegi, le preferenze e le primarie bisogna ricostruire il rapporto tra elettore ed eletto". Nell'opposizione si dà poco credito al dibattito apertosi nel centrodestra. Casini chiarisce: "Con una maggioranza come questa, in stato confusionale, fare una legge elettorale seria e condivisa è come scalare l'Everest a piedi nudi. Molto meglio dare la parola ai cittadini, che e sempre un grande fattore di democrazia". Rosy Bindi (Pd) liquida così la questione: "Un milione e duecentomila italiani, firmano, senza organizzazioni alle spalle, per abolire il 'Porcellum' e propongono un referendum che ha dentro un progetto di legge alternativo. Non si accontenteranno mai dell'inserimento delle preferenze in una legge profondamente sbagliata qual è il 'Porcellum'". L'esponente democratica ipotizza un "governo di responsabilità nazionale" per cambiare la legge elettorale. Per Antonio Di Pietro "le strade sono due: o elezioni subito o referendum", ma lui crede solo a una delle due: "Una volta tanto sono d'accordo sia con Casini sia con Maroni: i tempi sono maturi per andare ad elezioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa