venerdì 20 gennaio | 23:22
pubblicato il 07/giu/2011 05:10

Referendum/ Fra oggi e domani la decisione della Consulta

Quaranta presidente, mezzo via libera a quesito nucleare

Referendum/ Fra oggi e domani la decisione della Consulta

Roma, 7 giu. (askanews) - Arriverà fra oggi e domani la decisione sul quesito nucleare dei referendum del 12 e 13 giugno, da parte della Corte Costituzionale guidata dal neoeletto presidente Alfonso Quaranta. Scelto ieri con dieci sì e tre schede bianche, napoletano, magistrato del Consiglio di Stato e giudice costituzionale dal gennaio 2004, Quaranta è diventato presidente della Corte costituzionale al secondo tentativo, dopo la sconfitta per otto voti a sette incassata a dicembre 2010 da Ugo De Siervo. Quaranta, considerato 'gradito' al centrodestra, in passato è stato chiacchierato per la vicinanza temporale fra la 'promozione' di suo figlio ai vertici dell'Enac (nominato dal ministro Altero Matteoli) e il pronunciamento della Consulta sul conflitto fra la Camera e i magistrati di Livorno per un'inchiesta penale a carico dello stesso Matteoli. La sua elezione, come ha commentato il neopresidente denunciando "inopportune interferenze esterne" sul voto, dovrebbe fare "giustizia di ogni illazione" su "una presunta politicizzazione della Corte". E tuttavia è sembrato un segnale politico di 'smarcamento' dal centrodestra la risposta che il neoeletto presidente ha dato a un cronista che gli ha chiesto se ritenga nei poteri della Corte bloccare il nuovo quesito referendario sul nucleare imposto dalla Cassazione: "Personalmente ritengo di no", ha azzardato, precisando che la decisione (fra domani e dopodomani) la prenderà la camera di consiglio dopo aver ascoltato le parti. Ma arriverà il 6 luglio il primo vero test 'politico' sui nuovi equilibri della Corte: in quella data la Consulta dovrà decidere se ammettere il conflitto d'attribuzione sollevato dalla Camera contro i magistrati milanesi per il caso Ruby. E il collegio potrebbe essere ancora incompleto: oltre ai perduranti problemi di salute di Maria Rita Saulle, potrebbe mancare il quindicesimo giudice se il Parlamento, al quale oggi Quaranta si è appellato perché decida in fretta, non eleggerà nemmeno il 23 giugno il sostituto di De Siervo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4